lunedì 20 maggio 2019
In foto: i sigilli alla sede nel 2010
di Redazione   
lettura: 1 minuto
mer 24 ott 2018 16:19 ~ ultimo agg. 16:22
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

In appello arriva un ribaltamento nel processo ai finanzieri accusati a Bologna di aver ricevuto soldi, cene o regali per addomesticare una verifica fiscale alla Rimini Yacht, la società di Giulio Lolli, fallita e al centro di diverse vicende giudiziarie.
Il collegio di secondo grado presieduto da Orazio Pescatore – riferisce l’Ansa – ha assolto per non aver commesso il fatto il tenente colonnello Enzo Digiovanni, difeso dagli avvocati Salvatore Tesoriero e Alessandro Gamberini e i marescialli Luigi Giannetti e Felice Curcio ( difesi dagli avvocati Marcus Wiget e Luciano Bertoluzza), e ha dichiarato prescritto il reato per il tenente colonnello Massimiliano Parpiglia, (difeso dall’avvocato Nicola Mazzacuva). Parpiglia e Digiovanni erano stati condannati a 5 e 4 anni, mentre i marescialli a 3 anni. I giudici inoltre hanno inviato gli atti alla procura militari per l’ipotesi di collusione, dichiarando il difetto di giurisdizione. Confermati invece tre anni per bancarotta al commercialista Giorgio Baruffa.

Lolli, fuggito in Libia a lungo irreperibile, è detenuto nel paese africano per terrorismo.

Altre notizie
Uno era ricercato all'estero

Spaccio, due arresti dei Carabinieri

di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna