domenica 18 agosto 2019
menu
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 3 ott 2018 12:43 ~ ultimo agg. 4 ott 11:53
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Un contrasto di gioco in chiusura di prima frazione di Massa Lombarda-Cattolica del 23 settembre scorso ha privato i giallorossi di un perno della difesa: Jacopo Liera, uscito dal campo per la rottura di tibia e perone. Martedì, nove giorni dopo l’infortunio, il giocatore ha ricevuto una visita speciale, quella del vicepresidente del Cattolica, Francesco Visino, e del direttore sportivo Giuseppe Buccolo. I due dirigenti hanno portato a Liera anche le contabili dei bonifici delle prime due mensilità ed il contratto per la stagione 2018/2019. È stato così formalizzato il legame tra la società ed il giocatore. Un gesto dovuto, ma tutt’altro che scontato nel mondo del calcio di oggi.

“Ho sentito il direttore in settimana, c’eravamo accordati per vederci lunedì, poi la visita è slittata di un giorno – racconta Liera -. Oggi sono venuti a trovarmi a casa il presidente ed il direttore. Abbiamo parlato un po’, mi hanno chiesto com’è andata l’operazione, tutto quello che ho fatto e come sto ora. La loro visita mi ha fatto molto piacere”.

Liera descrive l’intervento subito.
“Mi sono operato martedì a mezzogiorno. Mi hanno piantato un chiodo in titanio nella tibia. Il perone di fatto non l’hanno toccato perché la frattura è 10 centimetri sopra il malleolo e tornerà in asse tramite la tibia”.

Il forte difensore potrà tornare in campo presumibilmente tra fine febbraio e inizio marzo.
“Il referto parla di 60 giorni di prognosi. Fra un mese mi sottoporrò ad una visita di controllo e ne saprò qualcosa in più. Già adesso, comunque, va molto meglio. Dopo questi due mesi dovrei riuscire a camminare e iniziare la riabilitazione”.

In tanti, addetti ai lavori e tifosi, hanno espresso solidarietà e fatto gli auguri di pronta guarigione a Liera.
“Ho visto un grosso interessamento, mi ha fatto molto molto piacere. Nelle ore seguenti l’infortunio il telefono sembrava impazzito. Mi hanno chiamato e continuano a chiamarmi anche in questi giorni gli allenatori che ho avuto, molti miei ex compagni mi hanno fatto gli auguri di pronta guarigione, ho visto poi i tanti messaggi fatti passare lunedì della scorsa settimana durante la trasmissione di Icaro TV “Calcio.Basket”. Sono stato molto contento”.

Ha saltato il derby con la Marignanese, sua ex squadra.
“Il presidente Oscar Cervellieri è tra coloro che mi hanno fatto gli auguri di pronta guarigione e lo ringrazio. Mi sarebbe piaciuto andare a vedere la partita, ma non ci sono riuscito per motivi di autonomia: non riuscivo a stare in piedi”.

L’ultimo pensiero di Liera è per compagni e tifosi cattolichini.
“Voglio fare un grandissimo in bocca al lupo ai miei compagni di squadra per queste partite in cui non ci sarò. Sicuramente li guarderò, li seguirò, li sentirò. I tifosi vedo che ogni domenica, sia in casa che fuori casa, sono carichissimi. Mi fa piacere ed è un motivo in più per rientrare il prima possibile”.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Roberto Bonfantini
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna