giovedì 17 gennaio 2019
di Andrea Polazzi   
lettura: 1 minuto
mer 24 ott 2018 14:08 ~ ultimo agg. 15:49
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Non solo a Rimini (vedi notizia), che ha rintrodotto quest’anno il canone, ma anche a Riccione il canone sui passi carrai fa discutere. Alcuni cittadini infatti, ricevendo il bollettino (8mila quelli inviati), hanno denunciato un inatteso aumento. Ma si tratta di una questione contabile. “Per le annualità 2017 e 18 per i passi carrabili si pagherà lo stesso importo degli anni precedenti – spiega a Tempo Reale (Icaro) Luigi Santi, assessore comunale al Bilancioe se qualcuno ha avuto un bollettino più elevato è solo per una ragione contabile. Infatti a novembre arriverà un nuovo bollettino per il 2018 con importo più ridotto e sommando i due pagamenti non ci saranno rincari. Anche per gli accessi (che a Riccione sono stati equiparati ai passi) nonostante l’aumento, le cifre resteranno inferiori a quelle che erano state previste dal commissario nel 2017.

L’amministrazione della Perla Verde pensa anche a come pareggiare i conti con i furbetti emersi dal censimento che mancava da 30 anni. “Abbiamo scoperto il 30% di irregolarità” spiega Santi. Sulle pagine del Corriere Romagna il sindaco Tosi ipotizza l’applicazione della retroattività di 5 anni prevista dalla legge. Ma, spiega l’assessore, saranno necessarie verifiche anche alla luce del provvedimento governativo sulla pace fiscale.

. L’intervista di Luigi Santi alla trasmissione Tempo Reale (Icaro)

Cosap Passi Carrai a Riccione, i chiarimenti dell'assessore Luigi Santi

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna