Indietro
menu
Rimini Rimini Social

Parchi per Tutti su passerella galleggiante: è la passerella di tutti

In foto: lo scivolo d'accesso
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 7 set 2018 10:24 ~ ultimo agg. 12 set 15:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min Visualizzazioni 1.050
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’inaugurazione il primo settembre della passerella galleggiante nella zona del Ponte di Tiberio ha suscitato opinioni contrastanti. Sui social si sono lette critiche ed elogi. Così due mamme, Claudia Protti e Raffaella Bedetti di Parchi per Tutti, sono andate con i loro figli a testare sul campo la nuova struttura. “Una passerella che permette a tutte le persone di ammirare un monumento storico di grande importanza” scrivono. Sull’accessibilità spiegano: “grazie alla rampa che da Piazzetta Pirinela scende fino alla banchina sinistra alla quale è agganciata la passerella, siamo potuti scendere tutti, anche Cristian che usa una carrozzina, e ci siamo divertiti a passeggiare sull’acqua, ad ammirare il Ponte di Tiberio“. E ancora: “abbiamo anche verificato ciò che ci avevano detto tanti mesi addietro ovvero che la rete metallica in acciaio non impedisce più di tanto la visuale a chi si trova seduto in carrozzina e magari deve per forza guardare il ponte attraverso essa perché si trova più in basso rispetto a una persona in piedi“.


L’intervento integrale

È bella, è brutta, è un percorso alternativo al ponte romano, serve solo per ammirare il panorama, è inutile, è accessibile per le persone con disabilità solo dal Borgo San Giuliano, era meglio avessero chiuso le buche sulle strade invece di fare la passerella, e quella scala però…
Tanti cittadini hanno espresso il loro parere tramite i social network sulla nuova passerella galleggiante che si trova di fronte al nostro ponte bimillenario e che è stata inaugurata il primo settembre. Voi potete dire quello che volete ma per noi, Claudia, Raffaella, Samuele, Cristian e Mattia, che siamo andati ad inaugurarla ieri è semplicemente la passerella di tutti. Una passerella che permette a tutte le persone di ammirare un monumento storico di grande importanza. I nostri figli, come al solito, si son fatti i dispetti, hanno litigato, non hanno ascoltato noi mamme, (ma noi li abbiamo portati ugualmente da Tiger), e hanno potuto ammirare, TUTTI, un ponte da una visuale particolare.
Grazie alla rampa che da Piazzetta Pirinela, (Borgo San Giuliano), scende fino alla banchina sinistra alla quale è agganciata la passerella, siamo potuti scendere tutti, anche Cristian che usa una carrozzina, e ci siamo divertiti a passeggiare sull’acqua, ad ammirare il Ponte di Tiberio a far facce buffe e a scattare foto!
Sulla banchina destra, proprio in prossimità della passerella, c’è la scala “Castellaccia” risalente agli anni ’70 e progettata dall’architetto Viganò che impedisce a chi usa una sedia a ruote di risalire dalla banchina al livello della strada in Via Bastioni Settentrionali; sì in questo momento non si può salire. Sicuramente una situazione temporanea che a nostro parere non deve annullare il valore di tutto il progetto di riqualificazione della zona attorno al Ponte di Tiberio: piazza sull’acqua, percorso sospeso, passerella galleggiante. Io e Raffaella abbiamo a cuore l’accessibilità, ogni volta che possiamo ci lasciamo coinvolgere sia a Rimini che a Santarcangelo in gruppi di lavoro o di confronto per rendere il luogo dove viviamo più accessibile per tutti i cittadini ma comprendiamo bene che non si tratta di un lavoro semplice o che può essere portato a termine in breve tempo.
Noi siamo contente perché oggi ci siamo divertite a passeggiare sulla passerella galleggiante, abbiamo anche verificato ciò che ci avevano detto tanti mesi addietro ovvero che la rete metallica in acciaio non impedisce più di tanto la visuale a chi si trova seduto in carrozzina e magari deve per forza guardare il ponte attraverso essa perché si trova più in basso rispetto a una persona in piedi.
Guardiamo il bello, guardiamo ciò che è stato fatto, contiamo i luoghi che sono stati resi accessibili in questi ultimi anni, area giochi inclusiva “Tutti a bordo!” compresa, sicuramente è necessario intervenire su centinaia di altre strade, musei e parchi ma oggi il nostro ponte è visibile da ogni lato da tutte le persone e questo è forse più importante del fatto che la passerella possa piacere o non piacere e che al momento una scala sia tutelata dalla Soprintendenza e quindi non possa essere trasformata in rampa.

Claudia Protti & Raffaella Bedetti