venerdì 14 dicembre 2018
In foto: Gianluca Boschetti (Ravenna FC)
di Roberto Bonfantini   
lettura: 2 minuti
mer 22 ago 2018 09:09
Print Friendly, PDF & Email
2 min 440
Print Friendly, PDF & Email

Colpo del Cattolica, che si aggiudica le prestazioni di Gianluca Boschetti, centrocampista classe ’97 cresciuto nelle giovanili del Cesena, con trascorsi a Santarcangelo, nella Ribelle, a Ravenna e a Como, e che ha chiuso la passata stagione al Barbara, nell’Eccellenza marchigiana.

Com’è maturata la scelta di vestire la maglia del Cattolica?
“La società giallorossa mi cercava da un mesetto – attacca Boschetti. Ho voluto temporeggiare perché aspettavo qualcosa a livello di serie D. Ho poi deciso di accettare perché so che Cattolica è una piazza prestigiosa, dove posso fare bene e rilanciarmi”.

Boschetti, nonostante la giovane età, ha già vestito le maglie di diverse squadre romagnole.
“Ho passato quattro anni a Cesena, poi, prima di entrare a far parte della Primavera, ho giocato un anno nella Berretti del Santarcangelo. L’anno dopo sono andato in ritiro con la prima squadra gialloblu, poi ho giocato in serie D con la Ribelle (31 presenze e due reti, ndr). Nel 2016/’17 ho vinto il campionato a Ravenna, collezionando 28 presenze (condite da due gol, ndr). Dopo quella stagione da protagonista mi sarei aspettato la chiamata di una squadra di serie D di medio-alto livello, alla fine mi sono ritrovato invece senza squadra. A settembre è poi arrivata l’opportunità di andare a Como e ho accettato. Mi sono trovato bene a livello di piazza, però ho avuto qualche disguido con il direttore e ho deciso di andare via. A dicembre sono stato contattato direttamente dal tecnico del Barbara, Lorenzo Ciattaglia, avevo bisogno di giocare e ho accettato di trasferirmi nella società marchigiana. Lì mi sono trovato bene, realizzando anche cinque gol da gennaio a fine stagione”.

A centrocampo ha ricoperto diversi ruoli. Qual è il suo preferito?
“Nasco trequartista, a Ravenna ho fatto la mezzala e l’esterno d’attacco. Il ruolo dove mi trovo meglio è però sulla trequarti perché mi piace giocare tra le linee”.

Conosce qualcuno dei suoi nuovi compagni?
“Ho sentito qualche nome, ma direttamente non conosco nessuno e non ho mai giocato con nessuno dei miei nuovi compagni”.

Il Cattolica punta molto sul suo talento. Lo sa?
“Sì (sorride, ndr), il direttore me lo ha detto. Sento un po’ la responsabilità perché non è una cosa da poco. So che Cattolica è un piazza importante, soprattutto per il campionato di Eccellenza. Spero di non deludere le aspettative e di fare bene insieme alla squadra”.

Cosa si sente di promettere ai tifosi giallorossi?
“Noi cercheremo di fare il massimo. L’impegno non mancherà mai. Voglio portare insieme ai miei compagni il Cattolica, che è una grande piazza, nel campionato che gli compete, sicuramente più importante di quello di Eccellenza”.

Questa sera (mercoledì 22 agosto) alle ore 20:30 sul campo sintetico di Fanano (via San Giovanni in M., Gradara) amichevole tra Cattolica e U.S. Pergolese 1923.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Calcio Mercato Eccellenza girone B

Il Cattolica Calcio tessera Dennis Scoccimarro

di Roberto Bonfantini
Notizie correlate
di Icaro Sport
di Roberto Bonfantini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO