lunedì 17 dicembre 2018
di Andrea Polazzi   
lettura: 1 minuto
mar 28 ago 2018 10:36 ~ ultimo agg. 17:15
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il settore dell’usato in provincia di Rimini è cresciuto dal 2013 del 70,4%. Che sia un fenomeno legato agli effetti della crisi economica oppure alle nuove tendenze vintage è difficile a dirsi, ma il dato è lampante. Le attività dedicate alla vendita di materiale di seconda mano erano 27 nel 2013 e sono cresciute fino alle 46 attuali, passando dalle 44 del 2017. Quella riminese è un’impennata unica in Regione, dove la crescita media nel quinquennio 13/18 è stata del 13,3%, ma anche a livello nazionale dove solo tre province presentano aumenti percentuali più elevati e il dato medio si è attestato sul + 7,7%.
L’indagine, elaborata dalla Camera di Commercio di Milano, prende in esame varie tipologie di attività. Rimini svetta in Regione per negozi di articoli di seconda mano (7). In provincia si contano poi tre negozi di libri usati, 19 di mobili e oggetti di antiquariato e 17 di indumenti. Il totale è 46. A livello assoluto in Emilia Romagna solo Bologna (83), Reggio Emilia (78) e Modena (63) hanno più attività dedicate all’usato di quante ne abbia Rimini.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna