venerdì 14 dicembre 2018
In foto: un rendering
di Redazione   
lettura: 3 minuti 3.630 visite
ven 31 ago 2018 14:16 ~ ultimo agg. 1 set 14:00
Print Friendly, PDF & Email
3 min 3.630
Print Friendly, PDF & Email

Con l’approvazione del progetto esecutivo il Comune di Rimini conclude la parte di propria competenza relativa alla progettazione dell’intervento per la riqualificazione urbana e ambientale e per il recupero delle vocazioni identitarie dei luoghi dell’area turistica di Rimini Nord. Il progetto, suddiviso in sei stralci, è stato approvato nella seduta di Giunta dello scorso mercoledì. Finanziato per 18 milioni di euro dal cosiddetto Bando delle periferie, con convenzione sottoscritta il 9 gennaio scorso approvata con decreto del Presidente del Consiglio e registrata dalla Corte dei Conti il 26 marzo 2018.

Con l’approvazione dei progetti esecutivi per stralci (oltre ai 4 lungomari di Torre Pedrera, Viserbella, Viserba, Rivabella, la sistemazione dell’area mercatale di via Apollonia e il progetto per la costruzione del nuovo sottopasso ferroviario di Viserba) la Giunta ha formalizzato la programmazione dell’esecuzione dei lavori in sinergia con gli interventi su sistema fognario, nonché il coordinamento degli stessi per la realizzazione del sottopasso di Viserba con RFI che oltre alla realizzazione del sottopasso carrabile prevede anche la soppressione del passaggio a raso con la realizzazione di un altro sottopasso ciclo pedonale. Si tratta di progetti in forte stato d’avanzamento le cui gare sono programmate già nei prossimi mesi autunnali. Su Torre Pedrera, poi, è in corso un confronto sinergico con gli operatori di spiaggia per la realizzazione di un progetto complementare che interessa l’arenile e con l’obiettivo di realizzare un nuovo lungomare capace di estendersi e coniugarsi alla spiaggia.

Dopo la firma della convenzione dello scorso gennaio – spiega l’Amministrazione comunale –  il Comune di Rimini ha espletato passaggi e procedure  previste “da quello che è e rimane un vero e proprio contratto tra Stato, istituzioni, enti locali e collettività riminese. Siamo convinti che quanto sancito da quella firma, rafforzata da un decreto del presidente del Consiglio dei Ministri e ratificato dalla Corte dei Conti, sia inviolabile ed una sua soppressione o modifica sia completamente fuori dal perimetro legale, tanto più – come nel nostro caso – nei confronti di enti come il nostro che si sono impegnati per esaudire alla lettera i termini dell’accordo siglato con lo Stato solennemente alla presenza dell’allora Presidente del Consiglio.

Forti di queste ragioni – prosegue la dichiarazione a nome dell’Amministrazione Comunale – rinnoviamo la richiesta che venga modificato quanto votato a sorpresa con un emendamento al decreto Milleproroghe agli inizi d’agosto dal Senato confermando i fondi assolutamente necessari per la riqualificazione strategica di una parte importantissima della nostra città come Rimini Nord”.

“Una richiesta a cui, oltre ai cittadini riminesi, chiediamo si associno tutti i parlamentari che il nostro territorio ha espresso, facendo sentire forte la volontà dell’intera collettività che vede nella realizzazione di questi interventi un’opportunità che non può essere persa, pena una prospettiva di stagnazione che può durare nel tempo”.

Confermando l’intenzione di mantenere, se necessario, la linea dura. “L’Amministrazione comunale di Rimini è più che mai decisa, qualora le decisioni di sospensione dei finanziamenti fossero confermate nelle sedi decisionali nazionali, di non limitarsi alla protesta, che pur ha espresso ed esprimerà, ma di valutare la possibilità d’agire in tutte le sedi, anche quelle legali per la tutela di quello che è un vero e proprio contratto con tutta la comunità riminese”.


La scheda del progetto:

Il “Progetto per la riqualificazione urbana e ambientale e per il recupero delle vocazioni identitarie dei luoghi dell’area turistica di Rimini nord” ha un costo complessivo di 18 milioni di euro (18.032.040 euro) e favorirà la rigenerazione urbana, lo sviluppo e l’accessibilità di un’area strategica della città attraverso tre interventi.

Il primo intervento riguarda la riqualificazione urbana e ambientale dei lungomari da Torre Pedrera a Rivabella, con la creazione di un’ampia passeggiata continua di 6,3 km, l’inserimento di percorsi pedonali e ciclabili, la creazione di spazi di aggregazione, nuovi arredi e illuminazione. I tratti di lungomare avranno poi elementi architettonici che richiameranno la vocazione identitaria delle singole località, per una fruizione ottimale dello spazio naturalistico costituito dall’arenile e dal mare.

Il secondo intervento ha come obiettivo il potenziamento dell’asse viario Mazzini, Caprara, Serpieri e Domeniconi. L’intervento interessa una vasta area del territorio comunale da Viale Fenice a Via Polazzi e prevede l’allargamento della sede stradale, la realizzazione di marciapiedi e la costruzione di un sottopasso ferroviario in prossimità di via Lamarmora per il collegamento con la viabilità esistente. Sarà sperimentata una circolazione a stanze, con l’obiettivo di alleggerire il traffico e saranno creati oltre cento posti auto in un’area in prossimità del polo scolastico, tra piazzale Zavattini e la rotatoria di via Missirini.

Il terzo intervento riguarda infine la realizzazione di nuovi parcheggi a monte, per assicurare un’adeguata risposta ai bisogni di posteggio presenti nell’area che accresceranno con la realizzazione del nuovo lungomare. A Torre Pedrera è già stata individuata un’area da 230 posti con accesso da via Gaza ed è inoltre previsto l’ampliamento del parcheggio di via Foglino.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna