lunedì 18 febbraio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
sab 18 ago 2018 13:33
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Abusivismo commerciale e lavoro sommerso. La Guardia di Finanza di Rimini, nel corso dell’estate, ha incrementato gli interventi effettuandone ben 1300 (300 in più del 2017) e ottenendo notevoli risultati.

In materia di contraffazione e sicurezza dei prodotti le fiamme gialle hanno scovato alcuni depositi destinati ad alimentare il commercio abusivo sulle spiagge, togliendo dal mercato tra giugno e agosto oltre tre milioni di prodotti (in prevalenza accessori moda) e denunciando tre persone. Sette invece quelle sanzionate in via amministrativa.

54 invece i lavoratori in nero o irregolari scoperti in questo scorcio di stagione, otto dei quali stranieri. Erano attivi nei settori dell’intrattenimento, in stabilimenti balneari, edilizia, autotrasporti, bar e ristorazione ma anche assistenza agli anziani. 16 i datori di lavoro sanzionati.

Ma in nero non ci sono solo i lavoratori ma anche gli affitti. La Guardia di Finanza di Rimini ha segnalato all’Agenzia delle Entrate redditi per affitti non dichiarati per oltre 36.000 euro.

26 invece gli accertamenti eseguiti nei confronti di 83 soggetti, 45 di origine extracomunitaria e 13 con precedenti di polizia, negli sportelli di money transfer.

9 i controlli in materia di giochi e scommesse illegali a Rimini, Bellaria-Igea Marina, Riccione, Cattolica e Coriano. In due occasioni mancava l’obbligatoria esposizione dei nulla osta sugli apparecchi da gioco.

I finanzieri infine hanno scoperto, nei controlli in aeroporto, 80.000 euro di valuta e titoli non dichiarati da parte dei viaggiatori.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna