sabato 19 gennaio 2019
di Andrea Polazzi   
lettura: 2 minuti
ven 3 ago 2018 12:07 ~ ultimo agg. 18:44
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

L’export della Provincia di Rimini nel 2017 è stato di oltre 2 miliardi e 300 milioni di euro, 200 milioni in più del 2016 con una crescita che ha sfiorato il 9% (terza in regione). Trend che si conferma anche nel primo primo semestre 2018 con un sostanzioso +10,46% rispetto allo stesso periodo del 2017. Anche sul fronte delle importazioni il trend 2018 è positivo (+12,91% nel semestre). Metalmeccanico, alimentare, abbigliamento, legno e mobile sono i quattro comparti più rappresentativi e più orientati all’internazionalizzazione. Delle 142 aziende che hanno risposto al sondaggio di Confindustria Romagna, oltre la metà ha dichiarato di svolgere parallelamente attività di import/export mentre quelle solo esportatrici sono quasi il 43%. La principale area di riferimento per l’export si conferma l’Europa Comunitaria (Germania e Francia in testa), seguita dal Nord America e dall’Asia. Calano, a causa dei dazi imposti dalla Russia, le esportazioni verso l’Europa non comunitaria. Per le importazioni si conferma il netto predominio dell’Europa Comunitaria e dell’Asia, che rispettivamente riforniscono il 72,5% ed il 51,3% delle imprese campione. I maggiori ostacoli incontrati dalle aziende votate all’export sono quelli conoscitivi seguiti da quelli strutturali e di servizio. Tra i servizi più richiesti invece la Ricerca di Partners Stranieri e le Informazioni Commerciali e di Mercato e sulla Legislazione Doganale. La forma di collaborazione più richiesta è quella Commerciale. E trai Paesi in cui queste collaborazioni si sono concretizzate ci sono in prevalenza Germania, Francia, Stati Uniti e Cina. Questi ultimi due sono anche quelli di maggiore interesse per le imprese riminesi.

L’internazionalizzazione – commenta Paolo Maggioli Presidente di Confindustria Romagnaè sempre più considerata dalle aziende di Rimini e Ravenna come possibile forma di diversificazione del mercato e del prodotto per giungere ad una crescita dei volumi e del fatturato. Insieme all’innovazione, resta una necessità per contrastare le difficoltà che presenta il nostro mercato interno e chi ha superato la lunga crisi di questi anni lo ha fatto proprio perché ha investito in innovazione e internazionalizzazione”.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna