giovedì 13 dicembre 2018
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.317 visite
gio 16 ago 2018 11:33 ~ ultimo agg. 17 ago 14:08
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.317
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Rimini non arretra di un passo nella linea su scuola e vaccini. Le famiglie dei bambini iscritti ai nidi e alle scuole d’infanzia comunali per l’anno scolastico 2018/2019 che non risultino essere in possesso del requisito di regolarità vaccinale – e quindi che, non potranno usufruire del servizio come previsto dalla Legge – saranno tenute comunque al pagamento della retta sin dal primo giorno di frequenza, così come già avviene per tutti quei bambini che per motivi vari non frequentano, ma mantengono il posto occupato.

La Giunta comunale nell’ultima seduta ha approvato l’aggiornamento della disciplina per l’applicazione delle tariffe per i servizi educativi comunali per l’infanzia, andando a integrare il documento sulla base degli obblighi vaccinali previsti dalla legge Lorenzin, indispensabili per poter usufruire dei servizi. La circolare interministeriale prevede che i bambini non in regola con gli adempimenti vaccinali non possano frequentare, ma possano comunque restare iscritti e mantenere il posto nei servizi educativi. Discorso valido sia per le scuole pubbliche che per quelle private.

Questo – ricorda l’Amministrazione Comunale – consentirà ai bambini di poter essere immediatamente riammessi non appena si sia attestata l’avvenuta regolarizzazione della posizione. Il mantenimento del posto però ha un costo per la collettività, sia in termini strettamente economici sia perché si impedisce ad altri bambini in lista di attesa di poter usufruire del servizio: per queste ragioni la Giunta ha deciso di specificare nel regolamento per l’applicazione delle tariffe che anche le famiglie dei bambini non in regola con gli obblighi vaccinali saranno tenute al pagamento di una retta base, fino all’eventuale regolarizzazione. Si tratta della stessa regola applicata in tutti i casi in cui i bambini, per motivi vari come ad esempio lunghe permanenze all’estero, non frequentano il servizio, mantenendo però il posto occupato.

Resta la possibilità per le famiglie di ritirare in qualsiasi momento il bambino dall’asilo: nel caso il ritiro venga comunicato entro sette giorni dalla data di inizio prevista della frequenza non sarà dovuto alcun importo. Se non si procede al ritiro, la famiglia sarà tenuta al pagamento della retta, calcolata come da prassi sulla base dell’Isee, con tutte le riduzioni e agevolazioni normalmente previste. Per i primi 15 giorni di servizio si verserà la tariffa ordinaria, successivamente alla tariffa mensile sarà applicata una riduzione del 20%.

“Con questa integrazione andiamo a specificare un passaggio tecnico – sottolinea l’assessore ai servizi educativi Mattia Morolli rendendo omogeneo il trattamento per tutte le famiglie che decidono di mantenere il posto occupato all’asilo o a scuola, pur non frequentando. E’ una questione di equità, nei confronti anche dei bambini in regola con i requisiti e in lista di attesa; di mantenimento di equilibrio economico, visto il costo che un posto all’asilo ha per il Comune e quindi per la comunità; e non per ultimo è una questione di principio. Abbiamo più volte ribadito come la posizione dell’Amministrazione sul tema dei vaccini sia ferma e senza zone d’ombra: l’obiettivo unico è la tutela della sanità di tutti i cittadini, a partire dai più piccoli”.

Altre notizie
di Redazione
Rimini Rimini Social

Emozioni: lettura poetica

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
le proposte di Bimbiarimini

Le proposte di Bimbiarimini

di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO