martedì 11 dicembre 2018
In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
gio 30 ago 2018 08:14 ~ ultimo agg. 12:44
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 665
Print Friendly, PDF & Email

Dovrà rispondere di sfruttamento della prostituzione minorile il 34enne bellariese arrestato dai carabinieri, nell’ambito di un’indagine sullo spaccio di droga. L’uomo nel 2017 aveva fatto prostituire una ragazzina riminese di 16 anni, che si era infatuata di lui, per procuarsi soldi da destinare all’acquisto della droga, di cui anche la giovanissima faceva uso. Le indagini dei carabinieri erano partite dopo la chiamata , ad inizio 2017, di una mamma che denunciava la scomparsa della figlia, per la quale temeva delle amicizie pericolose.

I militari hanno scoperto che era lo stesso 34enne, insieme ad un complice 46enne, sempre bellariese, anche lui finito in carcere con la stessa accusa, a portare la 16enne a prostituirsi: le prestazioni, che costavano dai 20 ai 1500 euro, avvenivano per strada ma anche in appartamento. Nella stessa inchiesta sono state fermate altre tre persone con accuse che riguardano il traffico di droga. Si tratta di tre albanesi.

Altre notizie
di Redazione
di Lamberto Abbati
Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL METEO