martedì 18 dicembre 2018
di Icaro Sport   
lettura: 1 minuto
mar 17 lug 2018 12:11 ~ ultimo agg. 12:11
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Con l’assegnazione dei titoli Under 12, ad una settimana di distanza dalla consegna di quelli Under 14 e Under 16, si è chiusa sabato la prima edizione della San Marno Junior Cup, torneo internazionale del circuito Tennis Europe che per due settimane ha animato da mattina e sera il centro tennis di Montecchio.

Sono stati 14 giorni di grande tennis, in cui si è assistito a sfide di un livello tecnico davvero elevato.

“Siamo contenti di investire sui giovani – il commento del presidente federale Christian Forcellini -. Il colpo d’occhio al centro tennis, in questi giorni, era notevole. Siamo contenti anche di aver dato vita ad una manifestazione dalla valenza turistica importante. Parliamo di un torneo, infatti, che nelle tre categorie ha portato sul Titano oltre 450 ragazzi nelle due settimane, con al seguito le famiglie, che hanno dormito a San Marino. Queste sono le manifestazioni su cui dovrebbe puntare San Marino, perché creano un indotto reale per il Paese, cosa che pochi altri eventi, e tutti a livello sportivo, sono in grado di fare. Eppure con rammarico non riusciamo ancora a riproporre il Challenger Atp, perché non vi sono le condizioni economiche per farlo… In attesa di riuscirvi, siamo ben felici di investire su queste importanti manifestazioni a livello giovanile, in cui sfilano i campioni del domani. Desidero fare un elogio a tutti gli atleti, ai giudici e, in particolare, a Gabriel Francini, che alla prima esperienza da direttore, si è rivelato all’altezza del compito in entrambi i tornei. È stata una grande esperienza anche per i nostri ragazzi che hanno potuto toccare con mano che cosa significhi fare tennis a certi livelli. E ora – conclude Forcellini – sotto con il San Marino Junior Open Under 18”.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna