giovedì 17 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto 1.773 visite
ven 8 giu 2018 08:12 ~ ultimo agg. 16:38
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1.773
Print Friendly, PDF & Email

L’accusa è quella di aver finto di caricare a bordo disabili, per aumentarsi lo stipendio. A finire sotto inchiesta tredici autisti di Start Romagna che avrebbero chiesto indennità, sono previsti 5 euro per ogni volta che l’autista fa scendere la pedana, non dovuta. La segnalazione era arrivata dalla stessa azienda del trasporto pubblico che ha fatto verifiche su richieste che erano decisamente sopra la media e creavano qualche sospetto.

I controlli sono stati affidati ai carabinieri che hanno incrociato richieste di indennità, immagini delle telecamere dei bus e orario e tempi delle tratte e dai primi risultati sembrerebbe che ben in tredici si sarebbero approfittati della possibilità di aumentarsi, con questo stratagemma, lo stipendio senza averne il diritto, segnando nella nota di servizio che erano saliti dei disabili che in realtà non c’erano stati. Gli autisti sono indagati per truffa ai danni di Start e potrebbero anche rischiare il licenziamento. Le indagini si stanno per chiudere, poi gli autisti potranno fornire la loro versione.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna