venerdì 15 novembre 2019
menu
Box nero home Politica

Microaree. Zoccarato (Lega): se progetto prosegue, chiederemo referendum

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 9 mag 2018 16:03 ~ ultimo agg. 8 apr 12:53
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

[fvplayer src=”https://www.youtube.com/watch?v=lsZZ3N3JBwA&feature=youtu.be” splash=”https://i.ytimg.com/vi/lsZZ3N3JBwA/sddefault.jpg” caption=”Microaree. Zoccarato (Lega): se progetto prosegue, chiederemo referendum”]

La speranza è sempre quella che il progetto non veda la luce, ma in caso contrario ci stiamo già preparando per raccogliere le 4mila firme necessarie per indire un referendum abrogativo come previsto dall’articolo 46 dello Statuto“. Lo ha annunciato il consigliere della Lega Nord Matteo Zoccarato ospite della trasmissione di Icaro Tv Fuori dall’Aula dedicata al tema delle microaree e del superamento del campo nomadi di via Islanda. Con lui in studio il consigliere di maggioranza Kristian Gianfreda. “La minoranza svolge il suo compito – ha detto – forse è vero che la questione di via Islanda ci ha fatto perdere consenso ma non può essere questo l’unico metro di misura che un amministratore deve prendere in considerazione. Un amministratore si deve prendere delle responsabilità nell’0ttica del lungo termine per mettere in campo interventi risolutivi che vadano oltre i limiti del mandato.” 

Confermata la tempistica del progetto: la delibera di giunta dovrebbe arrivare per l’estate, poi ci sarà il tempo delle osservazioni e nei mesi autunnali dovrebbe esserci il passaggio in commissione e poi in consiglio comunale.

Sei le famiglie Sinti interessate dal trasloco nelle 5 microaree. Due vivranno nella stessa area. Le zone sono quelle di via Montepulciano, via Feleto, via della Lontra alla Grottarossa, via Cupa a Corpolò, e via Tombari a Viserba.

Per l’acquisto dei moduli abitativi da 25 metri quadri sarà predisposto un bando. I moduli saranno usati e del tipo in uso nei campeggi. Il costo dovrebbe aggirarsi sui 15mila euro l’uno e ne serviranno un paio per famiglia (in un caso almeno tre). A questi costi saranno poi da aggiungere quelli di urbanizzazione per attrezzare le aree. L’affitto dovrebbe essere di circa 90 euro al mese e per chi sgarra le sanzioni saranno immediate e arriveranno fino alla perdita dell’alloggio. Il regolamento sarà simile a quello delle case popolari.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna