17 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Microaree. ProRimini: pronti a referendum abrogativo

assemblea microaree viserba

in foto: un'assemblea sulle microaree (Newsrimini.it)

In merito agli ultimi sviluppi sulla questione delle microaree (vedi notizia), il Comitato ProRimini – nonostante il numero di situazioni e persone interessate sia ridotto rispetto all’inizio – non intende fare sconti. E, dopo avere ribadito ancora una volta le critiche al progetto, si dice pronto a promuovere un referendum abrogativo.


Le contestazioni del Comitato ProRimini:

1) In un contesto in cui l’Amministrazione ha aumentato la TARI, ripristinato la tassa sui passi carrai, aumentato i costi di assistenza domiciliare agli anziani e negato il previsto completamento di plessi scolastici per asserita carenza di fondi (Gaiofana), concedere sistemazioni abitative – inidonee ad ogni forma di inclusione – praticamente a titolo gratuito, omettendo di rappresentare gli abnormi costi che verranno realmente affrontati per allestire le aree (si pensi a centinaia di metri di rete fognaria), e per assistere diuturnamente gli occupanti con mediatori culturali, assistenti sociali, trasporti scolastici ecc. senza alcuna pretesa di rimborso, prima che iniquo, inidoneo ed irresponsabile, risulta offensivo anzitutto per gli altri 1.200 riminesi in fila per una casa popolare, e poi per tutti i cittadini che, allorquando chiedono ai soggetti preposti di ricevere utenze nella loro abitazione, pagano sostanziosi contributi di allaccio.
2) Non si comprende perchè la microarea ad un canone di 90 euro mensili viene assegnata anche a chi ha già un lavoro, ha delle proprietà, è già stato aiutato precedentemente dall’amministrazione anche sotto il profilo abitativo ma si è reso protagonista di atti lesivi del vicinato (salvo smentita) o risulta debitore verso il Comune per i costi di rispristino in sicurezza del campo di via Islanda (33.000 Euro lo scorso anno) “anticipati” dall’Amministrazione. Farlo su semplice base etnica significa perorare un proposito di ghettizzazione stigmatizzato da tutte le Autorità nazionali e sovranazionali.
3) Considerando che buona parte dei soggetti beneficiari di questo progetto sono già seguiti dai Servizi sociali ed aiutati in diverse forme anche sotto il profilo economico dall’assessorato di cui la sig.ra Lisi è titolare, nel caso in cui queste famiglie non dovessero rispettare il contratto/regolamento che verrà loro sottoposto, non cambierà assolutamente nulla, perchè, qualora dovessero essere “buttati fuori” dalle microaree per inadempimento degli impegni assunti, chi si occuperebbe di loro se non l’assessore Lisi ed i soggetti preposti alle relative assistenze (cooperative sociali ecc.)? O forse la stessa Lisi vuol dirci che, in caso di inadempimento delle famiglie sinti, il suo assessorato si disinteresserà di loro, così lasciando in mezzo alla strada minori ed anziani malati? Oppure, se le stesse famiglie non saranno in grado di pagare il canone di 90 euro o le bollette, la stessa Lisi vuol forse farci credere che cesserà di erogare i contributi economici di cui le medesime famiglie oggi usufruiscono accedendo con sensibile frequenza in via Ducale?
4) Visto che il sindaco ed i suoi assessori sono sempre molto attivi nel promuovere mediaticamente le loro attività, perchè i sigg.ri Gnassi, Lisi e chi intende approvare questo progetto in Consiglio Comunale, non tornano in Piazza Cavour, dove hanno già patrocinato una manifestazione in favore della comunità sinti, per anticipare ai cittadini riminesi i reali contenuti del progetto e del contratto che verrà sottoposto alle famiglie sinti beneficiarie delle microaree rispondendo effettivamente alle domande che verranno loro formulate e non perdendosi nei soliti fuorvianti panegirici?
5) Qualora l’amministrazione dovesse filare dritto, tra le diverse azioni il Comitato si riserva di promuovere un referendum abrogativo ai sensi del Regolamento Comunale.

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454