19 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

La Caritas non ha colore politico

Vita AssociativaRiccione

4 maggio 2018, 09:37

40° di fondazione della Caritas diocesana, l'omelia del Vescovo

in foto: la sede Caritas

La Caritas non rappresenta alcun partito e non appoggia alcuna scelta di parte. Al centro devono esserci sempre i poveri.
È inequivocabile il messaggio lanciato dai preti di Riccione alla città, in seguito alle polemiche divampate sulla massiccia presenza di politici all’assemblea elettiva dell’associazione Madonna del Mare. “La Caritas cittadina – premettono i sacerdoti – è nata in occasione del Giubileo del 2000 per volere delle parrocchie, come segno visibile ed efficace di carità e come sollecitazione permanente alla carità per la comunità locale. Per gestirla, quasi in contemporanea, è sorta l’associazione Madonna del Mare”. I preti sottolineano la funzione della Caritas “strumento pastorale diocesano e parrocchiale di educazione comunitaria alla carità” e fanno proprie le parole del vescovo Lambiasi che nel presentare il report diocesano ha detto: “La Caritas non è l’organo erogatore di aiuti, distributore di fondi, promotore di collette da dividere con/tra i poveri. È l’organo che aiuta l’organismo a realizzare una sua funzione vitale: la pratica dell’amore. È l’occhio che fa vedere i problemi antichi e nuovi. Al centro devono esserci sempre i poveri. Per Gesù i poveri non erano masse anonime, ma volti da guardare, persone da incontrare, fratelli da abbracciare”. I preti riccionesi scrivono ancora: “Siamo convinti che la Caritas cittadina debba continuare su questa strada indicataci dal Vescovo, perché solo su questa possiamo essere una Chiesa capace di condivisione e di servizio. La Caritas cittadina è questo luogo dove ogni persona si sente accolta e dove ciascuno può donare del suo tempo per essere compagno di viaggio di chi è nel bisogno, per cui come parroci ci teniamo a sottolineare che la Caritas non rappresenta nessun partito e non appoggia nessuna scelta di parte”.
I preti riccionesi invitano quindi a fare proprie le parole di Papa Francesco, pronunciate a Cesena, perseguendo: “Una politica che non sia né serva né padrona, ma amica e collaboratrice; non paurosa o avventata, ma responsabile e quindi coraggiosa e prudente nello stesso tempo; che faccia crescere il coinvolgimento delle persone, la loro progressiva inclusione e partecipazione; che non lasci ai margini alcune categorie, che non saccheggi e inquini le risorse naturali… Una politica che sappia armonizzare le legittime aspirazioni dei singoli e dei gruppi tenendo il timone ben saldo sull’interesse dell’intera cittadinanza”.

Nives Concolino

Redazione RiminiSocial 2.0

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454