martedì 18 dicembre 2018
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
mar 15 mag 2018 08:15 ~ ultimo agg. 12:39
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Dopo diversi rinvii è partito ieri mattina il processo a carico degli 11 imputati per il fallimento di Aeradria, dichiarato nell’autunno del 2013 dal tribunale di Rimini. Diversi gli imputati eccellenti. Tre di loro già nella prossima udienza, fissata per il 25 giugno, potrebbero uscire di scena. Massimo Masini, l’allora presidente di Aeradria, ha chiesto di patteggiare. Per lui le accuse sono di false comunicazioni sociali, bancarotta, fraudolenta e truffa aggravata per l’ottenimento di erogazioni pubbliche. Sembra che ci sia un’ipotesi di accordo con il pubblico ministero, per una pena di 3 anni e 10 mesi. Per Massimo Pironi, al tempo dei fatti sindaco di Riccone e Ferdinando Fabbri, ex presidente della provincia il pubblico ministero ha chiesto la prescrizione dei reati. Durante l’udienza di ieri si sono costituiti parte civile le curatele di Aeradria e Rdr, ma anche Banca Carim.

Notizie correlate
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna