martedì 22 gennaio 2019
In foto: una celebrazione in Basilica
di Redazione   
lettura: 2 minuti 3.928 visite
ven 25 mag 2018 20:31 ~ ultimo agg. 27 mag 11:57
Print Friendly, PDF & Email
2 min 3.928
Print Friendly, PDF & Email

Il Vescovo di Rimini monsignor Francesco Lambiasi ha provveduto all’avvicendamento di alcuni sacerdoti per rispondere alle necessità di alcune Zone Pastorali. Nello specifico:

1. SOGLIANO – BORGHI – RONCOFREDDO
Don Gino Gessaroli, già vicario parrocchiale a Sogliano, sostituisce don Giuseppe Vaccarini, quale parroco della parrocchia S. Cristoforo di Borghi.

Don Giuseppe Arcangeli, attuale cappellano ospedaliero a Rimini, viene inserito nella comunità sacerdotale della zona di Sogliano collaborando alla vita pastorale insieme a don Gino e don Eugenio Facondini. Inoltre, affiancherà don Fernando Della Pasqua nella cura della parrocchia di Roncofreddo, quale “parroco in solido”.

Don Eugenio Facondini mantiene il suo incarico di parroco della parrocchia di S. Lorenzo di Sogliano, collaborando alla vita pastorale della zona insieme a don Gino e don Giuseppe.

2. ZONA DI MISANO
Don Giuseppe Vaccarini, già parroco della parrocchia S. Cristoforo di Borghi,  sostituisce don Marzio Carlini. Don Giuseppe, insieme a don Roberto Zangheri e don Angelo Rubaconti, si prenderanno cura, quali “parroci in solido”, delle due parrocchie di Misano Monte e Misano Mare.

3. OSPEDALE DI RIMINI
Don Marzio Carlini, già parroco della parrocchia Immacolata Concezione a Misano Mare, sostituisce don Giuseppe Arcangeli, nell’incarico di cappellano ospedaliero in équipe con don Mirco Mignani e il diacono Marcello Ugolini.

“Il Vescovo Francesco – spiega il vicario generale della Diocesi di Rimini don Maurizio Fabbri – intende esprimere la più cordiale riconoscenza per la disponibilità espressa dai sacerdoti ad assumersi un altro servizio pastorale, e manifesta la gratitudine più sentita per la passione con cui hanno servito e continueranno a servire le comunità loro affidate. Questi avvicendamenti rispondono al desiderio di promuovere la fraternità tra i presbiteri, la collaborazione nelle Zone Pastorali e la comunione tra le rispettive comunità parrocchiale.
Affidiamo questi sacerdoti e le loro comunità alla carità e alla preghiera di tutti e invitiamo ogni comunità a farsi casa accogliente per i pastori alla cui cura generosa e sapiente il Signore le affida. Che lo Spirito di Gesù Risorto, buon pastore, sia la forza e la gioia di tutti noi”.

Notizie correlate
di Redazione
di Icaro Sport
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna