19 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Agevolazione Tari. Il comune mette a disposizione 250mila euro

AttualitàEconomiaRiccione

18 maggio 2018, 12:17

Agevolazioni Tari. I sindacati chiedono risposte ai dubbi su copertura

in foto: repertorio

Si è svolto questa mattina l’incontro tra l’Amministrazione Comunale di Riccione ed i sindacati  confederali Cgil ,Cisl Romagna,Uil per definire i criteri del Bando Agevolazioni TARI 2018 che partirà il 1° luglio per terminare il 30 settembre. La cifra messa a disposizione dalla Giunta è pari a 250mila euro, stesso importo del 2017, in aumento di 70mila euro rispetto al 2016.

 

Sono molto soddisfatto– dichiara l’Assessore Santi– di questo percorso intrapreso con le organizzazioni sindacali, prima con la sottoscrizione delle politiche di bilancio del Comune di Riccione per l’anno 2018 e poi oggi con la condivisione dei principi che caratterizzano il Bando Agevolazioni Tari 2018. Segnalo l’importo messo a disposizione pari a 250mila euro, il principio di flessibilità e il mancato pagamento da parte di coloro che usufruiscono del Bando delle rate della Tari, a partire già dalla prima rata in scadenza il 31 maggio”.

Le Organizzazioni Sindacali, riporta il comune, hanno giudicato positivamente l’accordo raggiunto e si augurano che questo proficuo confronto possa proseguire nei prossimi mesi secondo un principio di concertazione.

I criteri:

Ai fini della richiesta di esenzione rivolta alle utenze domestiche, per una superficie massima di 150 mq per l’abitazione di residenza e un’eventuale pertinenza:

è necessario che la famiglia sia composta esclusivamente da pensionati ultra 65enni o da invalidi con un’invalidità non inferiore al 74% ( previa attestazione dell’Ausl), con una soglia Isee ( indicatore delle situazione economica equivalente) fino a 17.500 euro, con il coniuge pensionato anche di età inferiore a 65 anni o con a carico minori di età inferiore a 16 anni.

Sono inoltre esentate, sempre con gli stessi limiti di superficie, le famiglie con Isee fino a 25.000 euro, in cui almeno uno dei componenti rientri tra le seguenti categorie;

lavoratori disoccupati da almeno due mesi, rispetto alla data di presentazione della domanda, a causa di licenziamento per giusta causa o per la scadenza di un contratto di lavoro a termine non rinnovato ( compresi i contratti di collaborazione, a progetto e di somministrazione);

lavoratori in cassa integrazione guadagni o sospesi da almeno due mesi con una riduzione dell’orario pari almeno al 50% del limite contrattuale.

Possono presentare domanda di esenzione TARI le famiglie con un reddito esclusivamente da lavoro dipendente e un Isee fino a 11.000 euro, famiglio eco reddito Isee fino a 7.500 euro oppure le famiglie con 4 o più componenti con un reddito da lavoro dipendente e un Isee compreso nella fascia 11.000-14.000 euro.

E’ stato concordato, su richiesta delle organizzazioni sindacali, sia per il 2017 che per il 2018, un principio di flessibilità in modo tale da soddisfare tutte le domande a prescindere dalla quota disponibile per ciascuna categoria. La flessibilità introdotta ha consentito di utilizzare tutto il fondo a disposizione e di soddisfare le domande pervenute relativamente al 2017.

Simona Mulazzani

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454