mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: una lezione delle guide
di Redazione   
lettura: 1 minuto
lun 2 apr 2018 12:48 ~ ultimo agg. 12:51
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Si è concluso il percorso formativo regionale dedicato alle guide turistiche “Enogastronomia emiliano-romagnola 2018. Conoscere per valorizzare le eccellenze”.

Tre le tappe sul territorio riminese per approfondire la conoscenza delle eccellenze enogastronomiche della locale “Food Valley”. Gli esperti hanno permesso alle guide turistiche di imparare nuove cose per poter poi valorizzare e promuovere in maniera ancora più efficace il territorio, anche in ottica turistica.
Confguide Rimini, con la collaborazione del presidente provinciale di FIPE – Confcommercio, Gaetano Callà, ha organizzato le tre tappe enogastronomiche locali a numero chiuso. A Misano Adriatico 30 guide hanno seguito la lezione di una “arzdora” romagnola per imparare a far la pasta fatta in casa nei locali de l’Osteria Vecia, mentre a Casa Zanni di Villa Verucchio le guide turistiche hanno seguito passo passo il macellaio Donato che ha fatto una lezione sui tagli di carne. Per il vino, invece, le guide si sono spostate da Case Marcosanti a Poggio Torriana, concludendo il tour di approfondimento con i migliori vini riminesi.

“Con questa formazione – sottolinea Marco Torri, presidente Confguide Riminitrenta guide turistiche professionali hanno oggi aumentato il proprio bagaglio professionale. Non solo guide preparate in ambito storico e artistico, ma da oggi anche in ambito enogastronomico per un mercato turistico che spinge sempre più anche verso tour legati alla cultura del cibo”.

Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna