martedì 22 gennaio 2019
In foto: Erbetta e Pecci in una vecchia puntata di Fuori dall'Aula
di Andrea Polazzi   
lettura: 1 minuto
dom 22 apr 2018 09:58
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Pecci non sa di cosa parla“. Lo dice il capogruppo di Patto Civico Mario Erbetta chiamato in causa dall’esponente del Carroccio in merito all’installazione dei pali dell’illuminazione sull’arenile annunciata prima alla trasmissione di Icaro Fuori dall’Aula e poi ancora in consiglio comunale. Secondo Pecci esistono perplessità sia dal punto di vista autorizzativo che ambientale perché nei palo correrebbero i cavi della fibra ottica e sarebbero installate delle microcelle con conseguente rischio di inquinamento elettromagnetico (vedi notizia). “La fibra – precisa invece Erbetta – passa in cavo e in pratica è un cavo di luce. Per cui non passa con trasmettitori Wifi. Quindi di per sé non da alcun inquinamento. Alla fibra si possono attaccare le telecamere e anche in questo caso nessun inquinamento”. “Altro discorso – prosegue il consigliere di Patto Civico – è sul Wifi per internet che per coprire la spiaggia ha bisogno di trasmettitori. Il comune voleva ampliare il Wifi gratuito con 150.000 euro. Potrebbe in questo caso averlo gratis sfruttando la fibra. Questo crea inquinamento? Pensate al Wifi in casa e a uno su uno spazio aperto. Crea inquinamento il primo o il secondo? Ma se si pensa che un Wifi crea inquinamento elettromagnetico a questo punto anche in centro storico c’e’ inquinamento essendoci il Wifi Free. Ma anche in spiaggia oggi esiste inquinamento perché già esiste il Wifi Free. Per cui se non si vuole il Wifi ampliato basta dirlo. Ma i pali con fibra e con le telecamere non danno inquinamento elettromagnetico. E poi la stoccata finale al capogruppo della Lega: “Ma voi andreste in un albergo senza Wifi? Io no ma forse Pecci si“.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna