giovedì 24 gennaio 2019
In foto: una seduta del consiglio 2011-16
di Redazione   
lettura: 1 minuto
sab 28 apr 2018 10:17 ~ ultimo agg. 16:56
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

61.481 euro sono quelli che sindaco ed assessori della giunta nel precedente mandato Gnassi dovranno pagare per la vicenda legata a Sergio Funelli. Lo riporta il Corriere Romagna. Il capo di gabinetto tra il luglio 2011 e l’ottobre 2013 era stato inquadrato con un contratto di categoria D ma era privo del titolo di studio richiesto dalle norme per quel ruolo, vale a dire la laurea. Non gli sarebbero spettati quindi i 23mila euro di stipendio in più e i 38mila di indennità ad personam. Lo ha stabilito la Corte dei Conti. Il caso era stato sollevato dal consigliere di Fratelli d’Italia Gioenzo Renzi e dall’allora collega di minoranza Giuliana Moretti. Gli assessori chiamati in causa (che erano comunque assicurati e non dovranno quindi pagare di tasca propria) sono Brasini, Pulini e Sadegholvaad tra quelli ancora in Giunta e gli ex Roberto Biagini, Nadia Rossi, Irina Imola e Sara Visintin. Loro dovranno restituire alle casse del comune 4.081 euro a testa mentre il sindaco Gnassi e il segretario generale Chiodarelli 16.047 euro. I coinvolti erano già stati condannati nel 2014 ma avevano presentato ricorso che la Corte dei Conti ha respinto. L’amministrazione già a fine 2013 aveva poi cambiato contratto a Funelli inquadrandolo nella categoria C e per questo il danno erariale stimato è stato ridotto da 133mila euro agli attuali 61.481.

Altre notizie
di Lamberto Abbati
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Simona Mulazzani
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna