mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: foto di gruppo al San Pellegrino
di Redazione   
lettura: 1 minuto
mer 25 apr 2018 11:14 ~ ultimo agg. 11:21
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Alla vigilia del 25 aprile, in Italia Festa della Liberazione, la giornalista siriana Asmae Dachan ha incontrato gli studenti del Liceo Linguistico San Pellegrino di Misano Adriatico e più volte ha punteggiato il suo intervento ricordando quanto sia importante godere di quella libertà di cui lei non ha potuto beneficiare nel suo Paese.

Asmae Dachan ha raccontato a studentesse e studenti la storia della Siria dal 17 aprile 1946, quando avvenne la dichiarazione di indipendenza dalla Francia. “Seguì un periodo di prosperità fino al 1970, coi giovani spesso in Europa per studiare, poi di nuovo in Siria per far progredire il loro Paese. Inoltre il colpo di Stato, il declino e la dittatura della famiglia al-Assad, fino alla Primavera Araba del 2011.

“I giovani del 2011 non volevano la guerra – ha spiegato Asmae Dachan – ma volevano le riforme e furono protagonisti della Rivoluzione degli usignoli, così definita per il canto della libertà sventolando la bandiera del 1946 ereditata dai loro nonni, e non la bandiera siriana. Si organizzavano biblioteche e il libro più letto era L’alchimista di Paulo Coelho”.

Asmae Dachan è rientrata in modo clandestino nel 2013 in Siria ed ha raccontato l’odore della morte che ha sentito ad Aleppo, dove è tornata per ritrovare le sue origini. Due ore intense e una promessa: Asmae Dachan tornerà ad incontrare i ragazzi del San Pellegrino.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna