mercoledì 26 giugno 2019
menu
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 13 mar 2018 00:37 ~ ultimo agg. 14 mar 00:10
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Oltre che del momento dei ragazzi di Cavasin, che a Teramo sono tornati a muovere la classifica dopo tre K.O. di fila, l’amministratore delegato del Santarcangelo Calcio, Vlado Borozan, ospite lunedì sera della trasmissione di Icaro Sport “Calcio.Basket”, ha parlato della recente visita del presidente del club gialloblu, Ivan Mestrovic, e dei progetti per il futuro immediato del Santarcangelo.
[kaltura-widget uiconfid=”30012021″ entryid=”0_zhacvs4r” width=”400″ height=”223″ /]

“La visita è stata perché il presidente ha capito il momento, per cui ha deciso di dare supporto ai ragazzi – ha detto Borozan. Ovviamente abbiamo parlato anche di cose non di campo e abbiamo deciso di ristrutturare il centro sportivo dove c’è lo stadio di Santarcangelo. Sarà un nostro “Milanello”, dobbiamo creare i presupposti per dedicarsi al settore giovanile perché è ovvio che è un altro obiettivo che dobbiamo raggiungere il prima possibile. Già da questa estate dobbiamo cominciare con un certo tipo di lavoro”.

Quindi la parola Rimini scompare dai radar della nuova proprietà del Santarcangelo?
“Noi non abbiamo fatto niente perché questa voce scompaia – risponde Borozan -. È qualcun altro che deve dare queste risposte”.

L’ex area Ghigi a questo punto non vi interessa più?
“Noi dovevamo dare adesso delle priorità, quelle dove impiegheremo meno tempo per realizzare le cose. Purtroppo l’area Ghigi presenta tante problematiche burocratiche e queste cose ci hanno allontanato da questo progetto, anche se all’inizio eravamo molto propensi. Noi dobbiamo affrontare il prossimo campionato già con le strutture pronte”.

Icaro Sport. Calcio.Basket del 12 marzo 2018 - 4a parte

Altre notizie
Champions League Preliminary Round

Il Tre Penne sconfitto di misura dal Santa Coloma

di Icaro Sport
Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna