domenica 16 giugno 2019
menu
In foto: La presentazione all'Atelier Alberta Ferretti di Milano
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 27 mar 2018 11:35
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Disegno antico e moderno, fumetto e architettura, calligrafia e grafica, pittura, street art e cinema. Circa 2mila opere con declinazioni molto diverse per la terza edizione della Biennale del Disegno che si svolgerà a Rimini dal 28 aprile al 15 luglio. Il tema scelto per questa edizione “Visibile e invisibile, desiderio e passione“, con un richiamo all’erotismo.

Da Castel Sismondo al Museo della Città, dal Cinema Fulgor alla FAR, dalla Domus del Chirurgo a Palazzo Gambalunga saranno tanti i luoghi del centro storico per creare una sorta di museo diffuso che attraversa la città con 33 mostre.

Tra le mostre più attese (a Castel Sismondo) quella che grazie ai disegni ricostruisce un dialogo tra Fellini e Picasso. Del pittore spagnolo sono esposte 66 incisioni eseguite nel 1968 per illustrare “La Célestinedi Fernando de Rojas, del regista riminese di 42 disegni tratti dal “Libro dei sogni”,dove annotava il suo mondo onirico e in cui Pablo Picasso compare per ben tre volte. Dal confronto emerge una straordinaria somiglianza, un’unica matrice trasgressiva che accomuna i due maestri, che mai s’incontrarono, ma che tanto condividevano artisticamente.

Al Museo della Città ci sarà la “Delineavit. Guercino e il caso del Falsario” riunisce un unicum con più di 100 opere, prevalentemente paesaggi, realizzati sia dal Guercino (1591-1666), che dall’artista che fu conosciuto come il suo celebre falsario, vissuto intorno alla metà del Settecento. In occasione della Biennale del Disegno viene presentata per la prima volta l’opera dell’artista per secoli anonimo e indicato come il precoce falsario di Guercino e svelata l’identità dello stesso, rivelata ai curatori durante le ricerche preparatorie alla mostra e corrispondente a Francesco Novelli, abile incisore del tempo.

Sono dell’800 le opere di due altri grandi artisti come Fortunato Duranti e Adolfo De Carolis. Il disegno, nella sua declinazione del fumetto, sarà interpretato da Sergio Toppi, Federico Moroni e Filippo Scozzari. Il contemporaneo nelle monografiche di Vanessa Beecroft e Davide Benati. Sempre al disegno contemporaneo sarà dedicato “cantiere disegno” con 50 opere di 50 artisti emergenti. Durante la Biennale saranno anche promossi pacchetti speciali di soggiorno per fine settimana riminesi…in punta di matita.

Per visionare il programma il sito della Biennale del Disegno.

Altre notizie
Le mille sfumature del giallo

Il Mystfest torna con un omaggio a Pinketts

di Redazione
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna