giovedì 18 luglio 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
lun 26 mar 2018 14:06 ~ ultimo agg. 14:15
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

In merito al ricorso presentato dal Comune di Cattolica contro la concessione per la piattaforma “Bianca & Luisella”, i Grilli Pensanti di Rimini sollecitano a prendere una posizione ricordando come altri comuni, di diversi orientamente politici, lo abbiano già fatto seguendo da vicino la vicenda e i rischi annessi.

“Diversi sono i vizi procedurali contestati dal comune di Cattolica – spiegano i grilli Pensanti – quali la mancata partecipazione attiva della Regione Emilia Romagna nel procedimento concessorio e la mancanza del consenso da parte della Giunta della Regione Marche.

Attualmente la quantità di idrocarburi estratta in quell’area è infinitesimale rispetto al fabbisogno nazionale (0,039 %), per cui probabilmente anche ad implementare l’attività estrattiva si tradurrebbe in un rischio inutile per la collettività ponendo in pericolo l’interesse pubblico, come la tutela dell’ambiente, del turismo e della pesca; Si tratta di problematiche particolarmente complesse e di interesse pubblico che non possono svilupparsi senza che le Regioni siano parti attive a difesa della collettività.

Il fatto che i comuni dell’entroterra, peraltro di orientamenti politici più diversi, abbiano sentito forte la necessità di occuparsi di tale vicenda rende ancora più importante conoscere la posizione del Comune di Rimini che si trova proprio lungo la costa e quindi potrebbe subirne in primis le paventate conseguenze dannose. Tra l’altro lo studio legale che assiste il Comune di Cattolica offre la possibilità agli altri comuni interessati di costituirsi per la modica cifra di mille euro per cui veramente non ci sono ragioni per non essere parte attiva nel processo e tutelare gli interessi della città di Rimini e della sua comunità”.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna