domenica 26 maggio 2019
Rimini Social Santarcangelo

Cosa rende una città accessibile?

di Redazione   
lettura: 3 minuti
lun 19 mar 2018 18:06
Print Friendly, PDF & Email
3 min
Print Friendly, PDF & Email

Sabato 17 Marzo per le vie di Santarcangelo i cittadini avranno sicuramente notato gruppi di persone in bicicletta, a piedi e in carrozzina armati di quadernino, matita e sguardo attento. Qualcuno si sarà chiesto cosa stavano osservando e appuntando sulla carta.

Si trattava dei partecipanti al progetto CITabilitY: un percorso partecipato con lo scopo di definire il grado di accessibilità della nostra città e proporre, per iniziare, piccoli accorgimenti che possano renderla più a misura di tutti. Ma cos’è l’accessibilità? Qualcuno, rispondendo al questionario che è stato sottoposto ai cittadini nei mesi scorsi ha associato il termine “accessibilità” ad accoglienza, autonomia, civiltà, diritto, confortevolezza, comodità, possibilità…

Accessibilità fa rima con disabilità oppure è una una caratteristica della città a cui aspirare per la libertà di movimento di tutti i cittadini? Le mamme e i papà che spingono un passeggino riescono a utilizzare i marciapiedi? E i ragazzi come si muovono in città? Chiunque abbia figli o nipoti dai 10 anni in su inizia a guardare la città con occhi diversi provando a individuare i percorsi sicuri che permettono a un ragazzino di raggiungere in autonomia la scuola, il centro parrocchiale, la biblioteca, … Senza auto, senza l’aiuto di un adulto. A Santarcangelo i ragazzi possono spostarsi in sicurezza a piedi o in bicicletta, da soli o con un gruppo di amici per raggiungere un luogo di incontro? Anche questa è accessibilità del territorio: permettere a tutti di muoversi in libertà e sicurezza.

Durante le passeggiate i gruppi hanno prestato attenzione alla presenza o meno di marciapiedi e relativa larghezza e notato se erano dotati di rampe in corrispondenza degli attraversamenti pedonali; hanno appuntato sui quaderni se l’illuminazione è sufficiente in ore notturne, hanno segnalato tutte le barriere, di ogni tipo, che hanno incontrato lungo il percorso e che hanno costretto i partecipanti a cambiare strada. Una passeggiata molto interessante che ha stupito parecchie persone che non avevano mai osservato la città con tanta attenzione e non avevano mai provato a spingersi seduti su una carrozzina su un percorso accidentato o su un marciapiede che termina con un gradino. E per chi si muove senza poter vedere la strada davanti a sé? La città è accessibile e sicura? Esistono sufficienti punti di riferimento per persone cieche e ipovedenti?

I risultati e le proposte verranno presentati molto presto, nel frattempo vi invitiamo a una piccola riflessione che è anche una domanda del questionario: quali attori rendono la città accessibile? È la sola amministrazione comunale a dover garantire attraversamenti pedonali sicuri, marciapiedi di larghezza adeguata, percorsi dotati di sistema LOGES e rampe con pendenza a norma?

 

Noi siamo certe che noi tutti possiamo fare qualcosa per rendere la nostra città più sicura e a misura di tutti, anche per i vostri figli.

  • spostiamoci a piedi ogni volta che l’auto non è strettamente indispensabile: camminare fa bene, il traffico diminuisce e si riduce anche la brutta abitudine di posteggiare l’auto, solo per 5 minuti, sulle strisce pedonali o in davanti a una rampa. I vostri 5 minuti hanno lo stesso identico valore dei 5 minuti della persona in carrozzina che si trova la strada bloccata dalla vostra auto.
  • quando siamo alla guida di un’auto diamo la precedenza ai pedoni in corrispondenza degli attraversamenti segnalati da apposite strisce. Purtroppo non è gesto scontato, lo abbiamo sperimentato in prima persona durante la passeggiata. Se non volete farlo per il rispetto dei pedoni fatelo almeno per il vostro portafoglio e per la vostra patente perché la multa prevista parte da 162 euro e i punti decurtati sono ben 8.

Se volete saperne di più su CITabilitY partecipate all’incontro pubblico del 22 marzo alle ore 16:00 in piazza Ganganelli e a seguire alle 17:30 presso la biblioteca Baldini.

 

Claudia Protti

 

Altre notizie
di Redazione
realizzate dai ragazzi delle comunità

Le bomboniere solidali della fondazione San Giuseppe

di Redazione
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna