19 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Confindustria: congiuntura in crescita e nuovi ingressi di balneari

Confindustria: congiuntura in crescita e nuovi ingressi di balneari

in foto: la conferenza stampa di Confindustria

Un quadro positivo che però non deve fare abbassare la guardia. Confindustria Romagna presenta l’Indagine Congiunturale sulla situazione economica delle imprese riminesi aderenti a Confindustria Romagna, effettuata dal Servizio Economico dell’Associazione e relativa ai dati consuntivi del secondo semestre 2017 e alle previsioni per il primo semestre 2018. L’indagine è riferita ad un campione di aziende del comparto manifatturiero e dei servizi e non comprende il settore delle costruzioni, quello che invece registra ancora le difficoltà più significative.  Contrariamente alle rilevazioni del semestre precedente che presentavano un effetto “a macchia di leopardo”, i dati mettono in luce un andamento omogeneo delle imprese che operano all’interno dello stesso settore con parametri positivi. In generale l’indagine esprime un cambio di passo e una netta ripresa dei principali indicatori compreso il dato relativo al fatturato estero, superiore anche all’andamento su scala nazionale.

Il presidente Paolo Maggioli punta in particolare sul rilancio del turismo, che non deve più guardare ai seppur gloriosi allori del passato ma guardare verso l’innovazione. Parla anche di Università: “trovo deludente il comportamento di certe associazioni”, riferendosi al mancato sostegno al polo riminese.  E sul nuovo Governo, l’auspicio è che non si vaifichi quanto fatto di buono per le imprese. Priorità è la stabilità, quale che sia la formazione di Governo.

Intanto una rappresentanza di operatori balneari di Rimini entra nella Sezione Turismo di Confindustria Romagna. Si tratta di una cordata formata da dieci stabilimenti balneari di Rimini, in particolare della zona Lagomaggio, che si aggiunge alla rappresentanza ravennate già presente.

Per il presidente Maggioli “Uniti possiamo lavorare prestando attenzione a questioni importanti come la realizzazione del Parco del Mare con la riqualificazione delle strutture e dell’offerta e una maggiore attenzione all’ottimizzazione delle risorse a disposizione, a partire dal sostegno al nostro aeroporto”.

“Abbiamo trovato in Confindustria Romagna un’intesa e una convergenza sulla visione del turismo balneare riminese – spiega Alessandro Lualdi rappresentate della cordata operatori balneari – tra i primi temi di cui ci occuperemo c’è sicuramente la direttiva Bolkestein, che con la nuova tornata elettorale è ora una partita aperta: occorre lavorare di comune accordo per trovare una soluzione che salvaguardi le 30 mila aziende italiane del settore.

La sintesi dell’indagine per il territorio di Rimini:

CONSUNTIVO SECONDO SEMESTRE 2017

Fatturato totale +10,4% rispetto al secondo semestre 2016 (fatturato estero +14,8%; fatturato interno +8,5%). Con riferimento alla classe dimensionale delle imprese, quelle con un numero di dipendenti compreso fra 50 e 249 evidenziano il dato migliore: fatturato totale +14,7%, fatturato interno +14,9%, fatturato estero +9,9%. Le aziende con meno di 50 dipendenti segnano +10,2% del fatturato totale, +11,1% del fatturato interno e +6,4% del fatturato estero. Stessa situazione per le grandi imprese, quelle con numero di dipendenti maggiore o uguale a 250: fatturato totale +8,9%, fatturato estero e fatturato interno rispettivamente +17,1% e +6,3%.

Il grado di internazionalizzazione delle imprese, inteso come percentuale di fatturato estero sul totale, si attesta in media al 57,7% con una percentuale del 63,6% nelle grandi aziende, del 44,5% nelle aziende comprese fra 50 e 249 addetti e del 43,5% nelle aziende con meno di 50 dipendenti.

Produzione: +11,9%. Crescono più le imprese medie +15,5%, le piccole e le grandi hanno registrato un aumento rispettivamente del 14,6% e del 10,7%.

Occupazione: + 7,9%. Cresce soprattutto per le grandi (+8,6%), per le medie e per le piccole l’aumento si è attestato rispettivamente a +5,4% e +5,3%.

Ordini totali: il 60,3% delle imprese campione dichiara un aumento, mentre per il 12,1% sono in diminuzione. Ordini esteri: il 46% delle imprese li ha avuti in aumento, mentre il 12% li ha visti diminuire.

Giacenze: stazionarie per il 62,5% del campione, in aumento per il 25% e in diminuzione per il 12,5% dei casi.

Costo delle materie prime: in aumento per il 67,3% delle imprese e stazionario per il 32,7%. Nessuna grande impresa ha visto il dato in diminuzione.

Difficoltà nel reperimento del personale: il 3,5% delle aziende campione la considera molto elevata e il 17,5% elevata, mentre il 38,6% riscontra una difficoltà media e il 21,1% riscontra una difficoltà bassa. Il 19,3% non riscontra alcuna difficoltà.

Ricorso alla cassa integrazione: per il 75,9% delle aziende è da escludersi, il 10,3% lo considera poco probabile, il 13,8% lo considera probabile ma limitato e nessuna azienda lo ritiene probabile e consistente.

Analizzando i principali settori merceologici, il metalmeccanico, settore molto importante per l’economia riminese, che nello scorso semestre aveva registrato una performance non troppo positiva per via di alcune realtà del territorio che lavorano su commessa, in questo semestre ha portato importanti segnali di crescita. Il settore che continua a soffrire maggiormente è quello del legno e mobile.

PREVISIONI PRIMO SEMESTRE 2018

Le previsioni, relative al primo semestre 2018 sono nel complesso positive.

Produzione: in aumento per il 60% delle imprese campione, stazionaria per il 30,9% e in diminuzione per il 9,1%. Nessuna grande impresa prevede un calo.

Ordini: il 63,8% degli imprenditori prevede un aumento, il 27,6% prevede una stazionarietà e solo l’8,6% una diminuzione. Ordini esteri: 54,3% stazionarietà, 39,2% aumento e 6,5% diminuzione. Anche in questo caso nessuna grande impresa prevede una diminuzione degli ordini.

Giacenze: il 69,6% le prevede stazionarie, il 17,9% in aumento e il 12,5% in diminuzione.

Occupazione: prevista stazionaria per il 63,8% del campione, in crescita per il 27,6% e in calo per l’8,6%.

INVESTIMENTI 2017-2018

Consuntivo anno 2017

L’indagine sugli investimenti effettuati nel 2017 rileva un dato in crescita in valore assoluto, infatti sono cresciuti del 2,5%. Viceversa la percentuale degli investimenti rispetto al fatturato, essendo cresciuto nel 2017 in maniera significativa, risulta lievemente in calo attestandosi al +4,7% rispetto al +5% del 2016.

L’andamento in crescita, come nel 2016, ha pertanto interrotto il calo degli anni precedenti (-4,9% nel 2015, – 6,3% nel 2013, -10,3% nel 2012 e -8,4% nel 2009 sempre con riferimento all’anno precedente).

Investimenti considerata le classi dimensionali: medie imprese +5,4%, piccole +5,2% e grandi +4,5%.

Relativamente ai settori, quelli che nel 2017 hanno investito maggiormente in percentuale sul fatturato sono stati il chimico e farmaceutico (7,4%), i materiali (5%), l’abbigliamento (4,8%), il metalmeccanico (4,4%) ed infine il settore alimentari (4,2%).

Gli investimenti più ricorrenti sono quelli in ICT, ricerca e sviluppo, formazione e linee di produzione.

Soltanto il 3,2% degli imprenditori coinvolti ha dichiarato di non aver effettuato alcun investimento nel 2017.

Previsioni anno 2018

La percentuale di imprenditori del campione che nel corso del 2018 prevede di non realizzare investimenti è pari all’8,1%, rispetto al 4,4% rilevato nel 2017. Dato comprensibile se si considera che nel 2017 molte aziende hanno beneficiato di tutta una serie di misure facenti parte del “Piano nazionale Industria 4.0” del MISE (Iper e Super Ammortamento, Nuova Sabatini, Fondo di Garanzia, Credito d’Imposta per la Ricerca e Sviluppo, Start Up e PMI Innovative, Patent Box, Centri di competenza ad alta specializzazione).

Le aree aziendali maggiormente coinvolte in investimenti nel 2018 saranno: ICT, ricerca e sviluppo, formazione e linee di produzione.

Se si aggiunge che ben il 33,9% del campione (rispetto al 32,4% nel 2017) prevede di effettuare investimenti commerciali all’estero, emerge che le tipologie di investimento previste per il 2018 si concentrano verso quelle attività che portano più valore aggiunto alle imprese e che costituiscono i driver per la competitività delle stesse.

In generale, tra i fattori critici e/o ostacoli alla realizzazione degli investimenti, si segnalano ancora una volta come cause predominanti le difficoltà amministrative e burocratiche (33,9%) e le difficoltà nel reperire risorse umane (16,1%). Rimane comunque rilevante come fattore critico la difficoltà a reperire risorse finanziarie (17,7%), in linea con la precedente indagine che la attestava al 17,6%.

CREDITO

La situazione generale di prudenza da parte delle banche dovuta, ad esempio, ai vincoli di patrimonio imposti dal Regolatore e, calandoci nel nostro contesto locale, l’acquisizione di Banca Carim da parte di Crédit Agricole, che si è perfezionata solo alla fine del 2017, non hanno mancato di far sentire la propria influenza anche sui dati degli impieghi e delle sofferenze della Provincia di Rimini. Questi ultimi sono rispettivamente diminuiti ed aumentate rispetto allo scorso ottobre anche se i dati purtroppo sono riferiti a marzo 2017 su marzo 2016 e quindi potrebbero essere già superati.

Sul piano degli impieghi la notizia di un credito già predeliberato da parte dei Crédit Agricole a beneficio di oltre 950 aziende del territorio, porta ad auspicare un cambio di rotta.


Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454