giovedì 17 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
ven 30 mar 2018 09:34 ~ ultimo agg. 3 apr 11:35
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

“L’età della pietra è stata il momento in cui i sassolini sono diventati attrezzi. Il fuoco poi è stata una scoperta rivoluzionaria, che ha stravolto il modo di vivere. La tecnologia oggi sta facendo lo stesso. In realtà ha già iniziato a modificare il nostro mondo”.

Sono parole del professor Andrea Canevaro, pedagogista, intervenuto a What’s up? I giovani e la rivoluzione digitale,
la conferenza promossa dall’associazione Free Exit in occasione della Pasqua Universitaria 2018 con il contributo e il patrocinio dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e di UniRimini.
Che coscienza avete? Se non ci fossero i social, un giovane del 2018 come si comporterebbe davanti a cose che indignano? Come si attiverebbe? La privazione dei social aiuterebbe ad esprimersi meglio?
Sono questi gli interrogativi ai quali i giovani presenti al Campus chiedevano risposta.
“L’uomo in quanto essere pensante ha bisogno di informazioni, tuttavia in varietà e dose adeguata” prosegue Canevaro. Il troppo stroppia, e le parole non mettono più in moto nuovi orizzonti, ma aprono burroni lungo il cammino. “Si perde quella curiosità cortese tipica delle stagioni. Marzo è il mese della curiosità: la primavera si affaccia, vede com’è messo il mondo, ci pensa su e poi arriva in tutto il suo splendore”. La definisce una curiosità cortese, che rispetta i tempi, che rispetta l’inverno. Senza le stagioni, senza l’attesa del giusto tempo, la curiosità diventa prepotente: voglio sapere tutto subito. E pian piano sparisce, perché come faccio a esser curioso se già ho l’illusione di avere tutto a portata di mano?

Parole che illuminano
È necessario addomesticare le tecnologie perché il flusso delle parole diventi controllabile e così illuminante. “Da un po’ di tempo ho deciso di identificare ogni anno con una parola. Quella di quest’anno è l’operosità. Non mi riferisco a un’operosità autoreferenziale perché nessuno riesce a fare tutto al 100% da solo”. Il professor Canevaro, infatti, parla di operosità combinata, sia tra persone che tra persone e tecnologia. Ognuno ci mette il suo e così si può arrivare più lontano, più avanti. E se ci sono dei problemi, bisogna imparare a starci, a vivere quel tempo faticoso. C’è il giorno per coltivare e la notte che è invece periodo di maggese, in cui la mente riposa, si ferma. Stiamo perdendo il tempo dell’attesa, i momenti in cui ci fermiamo, i momenti in cui assaporiamo il vuoto. Ne abbiamo talmente paura che lo riempiamo con tutte le App possibili.
“Noi che siamo più vecchi e abbiamo vissuto la crescita esponenziale della tecnologia abbiamo il dovere di non lasciare soli i giovani a maneggiare questo fuoco. Ora più che mai dobbiamo aiutarli a capire come gestire tutto questo”.

 

Continua a leggere sul sito de Il Ponte

Altre notizie
Un passatello per la ricerca

Quando il passatello diventa solidale

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
Le proposte di Bimbiarimini

Le proposte di Bimbiarimini

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna