14 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Bando Beach Arena e spiaggia libera. Interrogazioni e diffide

AttualitàRimini

24 marzo 2018, 14:34

consigliamo al sindaco di concertare la gestione della sicurezza con un piano serio assieme le forze dell'ordine che ogni giorno si impegnano per garantire l'incolumità dei cittadini anziché vaneggiare su tossicodipendenti e delinquenti che da domani affollerebbero la zona, perché con la sua affermazione manca di rispetto a tutti quei bravi cittadini che usufruiscono ogni anno delle poche spiagge libere di RImini.

in foto: la Beach Arena nel 2017

Italia Nostra Rimini, Comitato Difesa Spiaggia Libera Rimini e One Labour Party hanno inoltrato formale diffida alla revoca della determinazione dirigenziale n. 516 DEL 08/03/2018 al Sindaco di Rimini Andrea Gnassi e, per conoscenza, alla Dott.ssa Caprili, Dirigente del Settore Turismo Waterfront riqualificazione demanio. Il bando prevede la realizzazione di un palco da 10 metri per 20 sul litorale di piazzale Boscovich.

“Cinquanta e più giorni in piena estate sono un periodo di occupazione eccessivo, incoerente con quanto stabilito dalla legge regionale e da quanto, di questa, recepito dalla stesso Consiglio Comunale nel Piano Particolareggiato dell’Arenile. Di fatto la legge regionale vieta l’occupazione per più di trenta giorni e il Piano dell’Arenile parla di un uso di“breve durata”. E questa concessione non lo è” – dicono gli aderenti alle Associazioni che hanno sottoscritto la diffida.

“La spiaggia libera lo è per definizione. Occuparla è una contraddizione in termini” – dice Marco Affronte, Europarlamentare indipendente del Gruppo Verdi che ha voluto appoggiare l’iniziativa – “Il 20% di spiaggia libera che prevede la Legge, intesa purtroppo su scala regionale, è tutta nelle dune ravennati. Gli altri comuni rivieraschi sono vicini allo zero. Per i ragazzi farsi un bagno è quasi un lusso e io credo invece che il sole e il mare siano una delle cose più democratiche che esistano, la loro bellezza sta nel poterne godere in libertà. È inoltre importante offrire un’alternativa anche a chi ama la spiaggia senza ombrelloni e stabilimenti. Ci sarebbe poi anche un valore intrinseco della Spiaggia Libera, paesaggistico e naturale, ma questo a Rimini è chiedere troppo.”

“Prevedendo di assegnare una notevole porzione di Spiaggia Libera, dal 10 luglio al 30 agosto (senza contare montaggio e smontaggio) con la formula “3 anni + 1” il Comune toglie alla Comunità un bene collettivo, di fatto privatizzandone l’uso. Funzione e scopo della spiaggia vengono quindi snaturati” – proseguono le associazioni, che specificano che la loro battaglia è, soprattutto, culturale – “Noi non siamo e non saremo mai contro le feste, anzi vi partecipiamo volentieri quando queste rispettano caratteristiche di tutela dei beni pubblici, sicurezza e legalità. Questa premessa potrebbe sembrare ovvia, ma va fatta per anticipare l’obiezione più prevedibile e sciocca che si può fare a questa nostra istanza, ossia che ci infastidisca il divertimento altrui. Pensiamo che, pur libere di perseguire le loro mission, le Amministrazioni dovrebbero valutare le loro azioni secondo opportunità, costo (non solo economico) e risultato. A noi sembra che quanto deciso tratti la Spiaggia Libera esclusivamente come un bene di consumo e non come un luogo da tutelare. Potremmo disquisire anche sull’opportunità di un bando di così breve durata, che inibisce partecipazioni di realtà non locali, e della sottovalutazione di quella parte di turismo che si muove seguendo le spiagge libere. Dobbiamo però mettere in evidenza anche il rischio, già accertato, che il tutto si trasformi in un luogo di bivacco e riparo per varia umanità che non vive la notte in maniera legittima”. “E non dimentichiamo che anche i disabili devono aver la possibilità di frequentare una spiaggia libera senza essere discriminati da barriere architettoniche” – concludono i firmatari – “Pare però che il completamento della passerella fino alla battigia, con punto d’ombra, attiva fino al 2016, sia fortemente inibita dal nuovo progetto Beach Arena. Su questo non transigeremo e saremo vigili, comunque decida il Comune riguardo al bando.”

Iniziative anche in Regione: “L’amministrazione comunale di Rimini ha aperto di fatto- scrivono in un’interrogazione le consigliere regionali del Movimento 5 Stelle Raffaella Sensoli e Giulia Gibertoni – le porte all’occupazione privata delle residue spiagge libere, venendo meno alla necessaria tutela nell’interesse collettivo”. Per questo invitano l’esecutivo regionale a “fissare dei limiti minimi inderogabili” di presenza di spiagge libere. L”istruttoria pubblica prevede, si legge nell’atto ispettivo, “la concessione per il triennio di una porzione della spiaggia libera che si affaccia sulla zona del porto, che potrà essere attrezzata per la realizzazione di iniziative ed eventi nel periodo compreso tra il 10 luglio e il 30 agosto”.

A supporto della loro richiesta Sensoli e Gibertoni portano anche alcuni dati: “Gli effetti di queste iniziative dell’amministrazione comunale di Rimini sono stati che le spiagge libere della provincia, già ridotte al 3,5% del totale, malgrado l’ordinamento regionali indichi chiaramente un obiettivo del 20%, risultano occupate per mesi da eventi continuativi che ne dimezzano la già scarsa superficie utilizzabile e pregiudicano la piena fruizione della parte rimanente”. Per questo suggeriscono al governo regionale di mettere in atto “un’opportuna iniziativa, anche di tipo normativo, per la qualificazione reale delle spiagge libere dell’Emilia-Romagna intese come bene comune prezioso e qualificante dell’immagine e dell’offerta turistica della nostra regione”.

 

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454