martedì 22 gennaio 2019
In foto: il veicolo "beccato" ai 150 allora in via Settembrini
di Andrea Polazzi   
lettura: 2 minuti 1.928 visite
lun 19 feb 2018 13:55 ~ ultimo agg. 20 feb 13:15
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.928
Print Friendly, PDF & Email

Ai 150 all’ora davanti all’ospedale e ai 122 all’ora in zona Garden. Le brutte, e pericolose, abitudini sono dure a scomparire per alcuni automobilisti e questi due ultimi casi resi noti dall’amministrazione comunale lo testimoniano.

Ad immortalare i due veicoli sono stati gli autovelox.  Quello di via Settembrini, proprio davanti all’ospedale ‘Infermi’, ha filmato un’auto che sfreccia ai 150 km orari in direzione Ancona – Ravenna; l’autovelox di via Euterpe ha ripreso invece il passaggio, sempre in direzione Ancora – Ravenna, di un’automobile lanciata ai 122 km orari. Entrambi gli episodi sono avvenuti col favore del buio.

E’ facile immaginare, spiega l’amministrazione, quali rischi questi comportamenti abbiano per ogni cittadino, visto che si tratta di tratti urbani ad alta densità di traffico ed in zone sensibili della città, vicine ad ospedali, palestre, piscine e centri servizi. Si tratta di potenziali ‘bombe’ in circolazione sulle strade, non solo una cattiva abitudine al volante ma un vero e proprio rischio per la cittadinanza.

Nel 2017 le sanzioni elevate dagli autovelox si sono ridotte di quasi il 60% rispetto all’anno precedente (il primo nel quale erano stati introdotti): 38.127 contravvenzioni registrate dalle tre postazioni (Settembrini, Euterpe, Tolemaide) contro le 86.846 sanzioni del 2016.

Un tema quello dell’eccesso di velocità e del non rispetto dei semafori– commenta l’assessore alla Polizia Municipale, Jamil Sadeghovaad-che resta di gran lunga la causa del verificarsi di incidenti anche gravi su cui l’attività della Polizia municipale continuerà sistematicamente e rigorosamente anche nel corso del 2018 con tutti i mezzi consentiti, affinché il comportamento sbagliato di qualcuno non metta a repentaglio la sicurezza di tutti.

Altro tema caldo è quello del rispetto del semaforo rosso agli incroci che, a differenza delle sanzioni nel superamento dei limiti di velocità, fa registrare un aumento delle contravvenzioni tramite ausili elettronici installati: 2.149 sono state le infrazioni rilevate nel 2017 contro le 1883 del 2016. Infrazioni pericolosissime, spiega il Comune, che mettono a repentaglio chiunque, anche in orari notturni.

Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna