lunedì 24 giugno 2019
menu
In foto: le CargoBike
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti Visualizzazioni 1.983 visite
mer 31 gen 2018 13:13 ~ ultimo agg. 1 feb 12:19
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min Visualizzazioni 1.983
Print Friendly, PDF & Email

Anche Rimini sarà tra le città protagoniste di CityChangerCargoBike, il progetto europeo che è stato appena approvato da Horizon 2020, il programma dell’Unione europea che sviluppa e finanzia progetti innovativi e sperimentali nel campo della mobilità. Con il via libera europeo Rimini, assieme alle città partner, è ora in grado di definire gli accordi formali e il piano operativo di lavoro che potrà dar il via alla sperimentazione del progetto.

L’obiettivo di CityChangerCargoBike è infatti quello di verificare sul campo quali azioni siano possibili per ridurre il traffico e i flussi di autoveicoli generato dal trasporto e dalla consegna delle merci, soprattutto in alcune aree dello spazio urbano, partendo dalla premessa che una parte delle merci che oggi vengono consegnate con veicoli ingombranti ed inquinanti, possono essere consegnate con biciclette appositamente attrezzate.

In concreto – spiega l’Amministrazione Comunale – si partirà dall’esperienza in cui le cargo bike sono già usate (Utrecht, Cambridge, San Sebastian e Copenaghen) e si cercherà di trasferire e adattare le migliori pratiche alle situazioni delle città in cui si faranno nuove sperimentazione, tra cui appunto Rimini. Attraverso il finanziamento del progetto infatti, potranno essere acquistate le attrezzature e le bici cargo necessarie per l’attuazione delle azioni di sperimentazione e potranno essere monitorati i risultati ottenuti.

Coordinatore del progetto è lo studio FGM AMOR di Graz in Austria leader europeo in studi e ricerche, nonché realizzazione, di azioni riguardanti la mobilità ciclabile sia per le persone che per le merci. Sono partner del progetto, oltre le città già indicate: Technical University Krakow, le città di Vienna, Berlino, Oslo, Dubrovnik e Lisbona, la Federazione europea dello ciclo logistica e  la Federazione dei ciclisti europea. Col Comune di Rimini hanno sottoscritto lettere di adesione al progetto, per Rimini, la Fiab, l’Aia e la Cna.

Prosegue intanto l’iter per l’apertura della nuova Velostazione, il “Bike Park” di via Dante destinato a deposito, noleggio e servizi per le biciclette e i ciclisti. E’ in pubblicazione sull’albo pretorio infatti l’atto formale con cui si determinano le condizioni per l’affidamento della concessione del servizio che – ricorda l’Amministrazione Comunale – avrà lo scopo di favorire la mobilità sostenibile, l’intermodalità bici – treno e, più in generale, trasporto pubblico con il Trc, nonché fungere da volano per la riqualificazione dell’intera area adiacente alla stazione ferroviaria.

Costituiscono parti essenziali del bando di gara per affidare la concessione i servizi per il deposito custodito e il noleggio delle biciclette, il servizio bar e le attività a carattere commerciale legate ai cicli, la ricarica biciclette elettriche, la manutenzione e riparazione biciclette. Oltre a questi il bando richiede ai futuri concessionari del servizio la pulizia e manutenzione ordinaria dell’edificio ex Globo dove sorge il “Bike Park” e dell’area antistante, nonché la realizzazione di eventi e attività complementari” da svolgersi nella nuova Velostazione all’interno dell’immobile “ex Globo”.

L’individuazione del concessionario avverrà mediante procedura aperta con il criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità – prezzo determinato dal massimo punteggio conseguibile ma privilegiando rispetto ai valori economico – quantitativi (fino ad un massimo di 25 punti su 100) il fattore qualità (dove è previsto un massimo di 75 punti). Nei prossimi giorni infatti, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale e sul sito istituzionale del Comune di Rimini del bando di gara, saranno determinati modalità e tempi di partecipazione alla gara.

Il servizio rientra nel più ampio Protocollo Tecnico d’Intesa, in via di definizione, tra Comune di Rimini, FS Sistemi Urbani Srl, R.F.I. Spa e Regione Emilia-Romagna per la complessiva riqualificazione delle Aree della Stazione Ferroviaria di Rimini.

“Uno spazio fino a poco tempo fa abbandonato diventa così uno spazio rigenerato – commenta l’assessore alla Mobilità, Roberta Frisoni – un deposito adeguatamente custodito dove viaggiatori e pendolari potranno prendere il treno raggiungendo la stazione in bicicletta anziché in auto sapendo di poter contare su un luogo sicuro, situato in una zona strategica, data l’immediata vicinanza con il centro città e il mare e la stretta connessione con la stazione ferroviaria, con le stazioni del Trasporto Rapido Costiero e con i percorsi ciclabili dell’anello verde della città di Rimini. Un progetto che rientra nel più ampio lavoro che l’amministrazione sta portando avanti, di concerto con FS e Regione Emilia Romagna per la riqualificazione delle Aree della Stazione Ferroviaria di Rimini.”

 

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna