Indietro
menu
Attualità Provincia

Lupo, pericolo psicosi. Terzi (Forestali): il lupo è intelligente, evita scontri e fugge dall'uomo

In foto: il comandante Aldo Terzi e sotto il lupo cecoslovacco Fritz
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 13 nov 2017 11:20 ~ ultimo agg. 17:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.782
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

[fvplayer src=”https://www.youtube.com/watch?v=IMDeBWTh3iQ&feature=youtu.be” splash=”https://i.ytimg.com/vi/IMDeBWTh3iQ/hqdefault.jpg” caption=”Lupo, attenzione alle psicosi. Terzi (Forestali): troppi falsi allarmi, il lupo fugge dall’uomo”]

 

Il lupo è una specie nobile e non razzola nella spazzatura, non frequenta solitamente ambienti antropizzati (con case e marciapiedi) e non ringhia all’uomo, anzi quando lo vede fugge. A spiegarlo alla trasmissione di Icaro Tempo Reale è il comandante dei Carabinieri Forestali di Rimini, Aldo Terzi.

la carta d’identità di Fritz

Nei giorni scorsi (venerdì) anche la nostra testata aveva erroneamente diffuso la notizia di un presunto avvistamento di un lupo in via Monte Cieco nella frazione di Sant’Aquilina, ma in realtà di trattava di Fritz un cane della razza “lupo cecoslovacco” con tanto di carta d’identità. Come appurato sabato pomeriggio dai forestali che si sono recati nella casa dalla quale il cane era uscito per errore.

Per noi sono problemi – spiega Terzi – perché molti hanno chiamato preoccupati“. Il rischio è quello della psicosi collettiva. “La cosa più importante – prosegue – è dare informazioni corrette e rassicurare la gente.” Attualmente in provincia, spiega Terzi, “stimiamo una presenza di 40/50 esemplari che ovviamente si trovano nelle zone montane (dove possono trovare il loro habitat) come l’Alta Valmarecchia e Valconca. In questa annata di grande siccità poi il lupo, seguendo le sue prede (cinghiali e caprioli) è sceso verso la collina, quindi nella fascia intermedia tra Verucchio, San Leo, Montefiore e San Marino. Ma è escluso che si possa trovare a Covignano o a Sant’Aquilina.

Il lupo, puntualizza Terzi, è un animale molto attento e schivo, difficile da incontrare. Solitamente, essendo intelligente, evita lo scontro. La presenza di un cane da pastore basta a tenere alla larga i lupi anche dagli allevamenti.

Proseguono intanto le indagini sul lupo ucciso a Coriano (e poi appeso ad una pensilina del bus). “Il mio timore è che alcune notizie – dice il comandante – come quella di chi invoca la protezione di scuole e bambini, siano una sorta di giustificazione di comportamenti completamente fuori dalla razionalità.” “Il problema serio e importante è quello della protezione degli allevamenti da una convivenza che può essere complicata e serve una risposta adeguata e scientifica – prosegue Terzi – ho apprezzato molto le dichiarazioni dei rappresentanti degli allevatori che da subito hanno distinto un problema da un atto violento assolutamente da condannare.