Indietro
menu
Attualità Rimini

I Carabinieri celebrano la Virgo Fidelis

In foto: foto di gruppo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 22 nov 2017 02:06 ~ ultimo agg. 02:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Martedì alla Chiesa del Suffragio in Piazza Ferrari a Rimini il Comando Provinciale dei Carabinieri ha celebrato la ricorrenza della “Virgo Fidelis”, Patrona dell’Arma dall’8 dicembre 1949, quando Sua Santità Pio XII, su istanza di Monsignor Carlo Alberto di Cavallerleone, Ordinario Militare d’Italia, la proclamò ufficialmente “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”.
Alla celebrazione, officiata da Monsignor Agostino Pasquini, sono intervenute numerose autorità civili, religiose e militari locali tra cui il Prefetto  Gabriella Tramonti; il vice Prefetto Vicario Chiara Pintor; il Questore Maurizio Improta; il vice Sindaco di Rimini Gloria Lisi; i comandanti Provinciali della Guardia di Finanza, Col. Antonio Giuseppe Garaglio, della Capitaneria di Porto, Cap. Freg. Fabio Di Cecco e dei Vigili del Fuoco di Rimini Ing. Pietro Vincenzo Raschillà;  una rappresentanza dei Comandanti di Stazione e dei Marescialli, Brigadieri e Appuntati e Carabinieri di tutta la Provincia di Rimini; una rappresentanza delle Associazioni Nazionali Carabinieri in congedo di Rimini; Simona Cola Simona, vedova dell’App. Sc. Alessandro Giorgioni ucciso nel 2004 e Santina Isgrò, vedova del Brig. Giovanni Mancuso.

Il rito religioso è stato accompagnato dai canti liturgici del coro polifonico “Malatesta da Verucchio”, èd stato commemorato il 76° anniversario della “Battaglia di Culqualber”, fatto d’armi durante la seconda guerra mondiale e celebrata la “Giornata dell’Orfano” a sostegno dei tanti figli di militari dell’Arma caduti. Al termine della cerimonia liturgica il Tenente Colonnello Giuseppe Sportelli, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Rimini ha rivolto un saluto di ringraziamento alle numerose autorità intervenute, un ringraziamento al Monsignor Agostino Pasquini e a tutti i presenti.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione