17 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Famiglie in cerca di aiuto

povertàRimini

9 maggio 2017, 07:36

Abbiamo parlato più di una volta del nuovo rapporto sulle povertà della Caritas (e abbiamo avuto anche Isabella Mancino ospite a Come se fosse facile). Ma come sono stati raccolti i dati per stilare il rapporto? Scopriamolo!

Da aprile a ottobre 2016 i ragazzi in Servizio Civile (Letizia Rossi, Luca Filippi ed Enrico Moretti) coordinati dalla responsabile dell’Osservatorio sulle povertà della Caritas diocesana (Isabella Mancino) hanno svolto 160 interviste a nuclei familiari, coinvolgendo un totale di 505 persone, di cui 241 con disabilità o problemi di salute. L’analisi è stata poi affidata a una tirocinante universitaria della Facoltà di sociologia (Marta Della Costa) che unitamente alla responsabile dell’Osservatorio e ai volontari SCV, ne ha curato la redazione. Lo studio è contenuto nel XIII Rapporto sulle Povertà della Caritas diocesana.

 

Il metodo

Le famiglie intervistate presso la Caritas Diocesana sono state 16, quelle a #EmporioRimini 11, al Fondo per il Lavoro 21, nelle Caritas parrocchiali del comune di Rimini 50, in quelle di Riccione 11 e nelle Caritas di altri comuni 51.

Un terzo delle interviste è stato realizzato presso le abitazioni delle famiglie, permettendo una relazione più intima; le altre in ambito parrocchiale, mantenendo tuttavia le caratteristiche di spontaneità e sincerità.

 

I risultati

  • Le difficoltà economiche derivano dal fatto che solo in 4 famiglie su 160 tutti i componenti lavorano; in 26 casi una persona ha dovuto rinunciare al lavoro per accudire il familiare malato e solo 21, su 241 persone con problemi di salute, lavorano.
  • Le pensioni di invalidità sono insufficienti o inesistenti nel caso in cui la percentuale sia al di sotto dei 75 punti, quindi chi è malato ha numerose spese, ma non è nelle condizioni di gestire le proprie necessità.
  • Le borse lavoro sono soluzioni precarie che non riescono a garantire una quotidianità ed un futuro alla persona e alla famiglia stessa.
  • Solo il 41% delle famiglie riescono a sostenere le spese relative alla casa, in quanto gli affitti sono onerosi e gli alloggi spesso non sono ristrutturati, per cui hanno anche sprechi di energia notevoli che si accumulano sulle bollette. Molte famiglie desiderano accedere a una casa popolare, ma i tempi sono troppo lunghi e a volte vengono fatte proposte di abitazioni non idonee alle condizioni della persona ammalata.
  • Il 58% delle famiglie non hanno sostegno da familiari e amici e vivono in una situazione di solitudine e isolamento, gli unici aiuti che ricevono sono dalla Caritas o dalla parrocchia.
  • I servizi sociali non riescono ad offrire un adeguato supporto, necessiterebbero di più personale e di maggiori finanziamenti per garantire i sostegni richiesti dall’utenza.
  • Mancano strumenti di supporto alle famiglie, che permettano loro di avere del tempo libero, di svago, ma anche di poter fare liberamente la spesa senza preoccuparsi dell’ammalato a casa. Per alcune malattie (ad esempio Alzheimer, Autismo, Sindrome di Down) sono nate delle associazioni specifiche che considerano tutto il nucleo familiare e non solo la persona malata, realtà mancanti per altre patologie.
  • Rispetto al sistema sanitario, la specializzazione di alcuni ospedali in determinate patologie, ha garantito alti livelli di competenza rispetto a specifiche malattie, ma ha anche creato grossi ostacoli relativi ai costi di spostamento e all’organizzazione della famiglia per permettere la cura al familiare.

Le storie

Nel corso delle interviste alle famiglie sono emersi racconti e situazioni molto toccanti. Ne riportiamo alcuni.

Una madre che viva sola con un figlio con problemi psichiatrici, paga 700 euro di affitto per una casa che non è in buone condizioni, vorrebbe un alloggio popolare, ma il figlio ormai lì ha le sue abitudini, è conosciuto nel quartiere, sa arrivare a casa da solo… Come potrebbe farlo spostare? Eppure non riesce a pagare quell’affitto.

Un marito innamorato di sua moglie: lei ha seri problemi all’apparato riproduttivo e non è nelle condizioni di avere figli, lui la accudisce con amore e non ha detto nulla ai suoi familiari che lo metterebbero nelle condizioni di prendere una seconda moglie e di ripudiare lei. Una coppia ha una figlia adolescente con problemi psichici, che scappa da scuola, si concede a ragazzi senza precauzioni.

Il padre si prende cura di lei e cerca di educarla con fermezza e amore, nonostante lei sia figlia della sua compagna, avuta da una precedente relazione.

Due famiglie, vicine di casa, si fanno compagnia e condividono il necessario. In una di queste sono malati entrambi i genitori e la figlia, nell’altra, a differenza dei genitori, il figlio sta bene, ma è disoccupato. Si aiutano nel trasporto in caso di spostamenti, condividono il cibo e trascorrono insieme le giornate.

Una famiglia composta da 5 persone, di cui 4 malate, vive in una casa popolare ed è in Italia da oltre 20 anni, eppure, da sette anni, non ricevevano visite in casa da nessuno. Ha interrotto il loro isolamento solo la nostra intervista.

Redazione RiminiSocial 2.0

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454