Alla scoperta del Romagna In Volley

Regione SportVolley

10 maggio 2017, 09:35

Il raduno del Romagna In Volley

in foto: Il raduno del Romagna In Volley

ALLA SCOPERTA DEL ROMAGNA IN VOLLEY

Condivisione di risorse per la crescita dei ragazzi. La si può provare a riassumere così la mission del Romagna In Volley, il consorzio del presidente Maurizio Morganti nato nel 2012, a cui oggi sono iscritte 11 società delle province di Forlì-Cesena e Ravenna: Volley Club Cesena, Cervia, Fenice Cesena, Cesenatico, Endas Longiano, Rubicone In Volley, Porto Robur Costa Ravenna, Arcobaleno i colori del movimento Forlimpopoli, Sammartinese, Beach Volley University e Beach Volley Cesenatico.

“In realtà l’idea è nata già prima del 2012 dai rapporti di amicizia sul territorio tra Cesena e Cesenatico – esordisce il direttore tecnico Pietro Mazzi, considerata la breve distanza e l’attività delle società sia al maschile che al femminile. Una sinergia atta a migliorare questa attività a partire dalla formazione sportiva ed educativa degli allenatori, passando per la composizione di squadre il più adatte possibile alle esigenze dei ragazzi. Il tutto mantenendo il principio di potenziamento dei singoli club. L’obiettivo è mettersi al servizio dell’atleta da un lato, dall’altro aiutare le società a trovare i tecnici giusti e costruire le rose. Questa struttura, ufficializzata nel 2012 con la nascita di questa associazione di associazioni, non vuole avere una regolamentazione troppo rigida, proprio per valutare ogni singola situazione in base alle contingenze. Perché negli anni le varie collaborazioni non hanno funzionato a causa di vincoli che hanno “ingabbiato” i rapporti. Condividendo quindi le finalità, abbiamo costituito un consiglio che coordina l’attività di Romagna In Volley”.

Secondo Mazzi, la pazienza è una delle pietre angolari su cui poggia Romagna In Volley. “Negli anni il desiderio comune ci ha portato a formare delle squadre che potessero rappresentare tutto il movimento al maschile e al femminile. Un processo avvenuto molto gradualmente, senza forzare la mano, attraverso i primi collegiali con l’Under 12. Che da raduni settimanali si trasformano in veri e propri gruppi che si radunano durante l’anno a cominciare dall’U14. La smania di vincere può diventare un boomerang nei rapporti tra i singoli club, per cui ci siamo mossi in modo da non compromettere la fiducia e gli equilibri tra le varie realtà, particolarmente importanti in un’associazione come la nostra. Questa pazienza sta pagando perché tutti i club di Romagna In Volley si sono integrati bene e si sono tolti le loro soddisfazioni, anche grazie ai tesserati formati da questo progetto”.

Anche per questo il Romagna In Volley, nonostante gli oltre 2000 tesserati, partecipa con sole 7 formazioni ai campionati del Comitato: Under 13, 14, 16 e 18 maschile, e Under 13, 14 e 16 femminile.

“Un altro obiettivo – prosegue Mazziè la formazione tecnica attraverso lo scambio di idee che favorisce la crescita collettiva, così come la condivisione di atleti, che girano liberamente all’interno del Consorzio. In modo da proporre loro le squadre più adatte alle loro caratteristiche, senza alcun tipo di compravendita dei cartellini. Questo perché in passato alcuni atleti sono stati ostaggio di presidenti che bloccavano i trasferimenti a causa di richieste spropositate. Anzi, se un club ha problemi economici, può essere aiutato da un altro nel reperire le risorse”.

La centralità del giocatore si traduce naturalmente nella sua maturazione a livello tecnico. “L’aspetto a cui teniamo di più è la crescita del singolo, a volte a scapito del risultato, e il suo coinvolgimento nel gruppo. Al femminile il movimento è più ampio, ma avendo dedicato molto tempo ad allacciare i rapporti tra i club, solo in questi ultimi 2-3 anni abbiamo impostato le squadre marchiate Romagna In Volley. I risultati sono di medio livello, ma non era questa la priorità. Lo è semmai il miglioramento del singolo: anche in U16 regionale, dove abbiamo partecipato con la seconda annata, le ragazze si sono mosse bene. In campo maschile, oltre ad aver conseguito gli obiettivi tecnici prefissati, con l’Under 13, 14 e 16 maschili abbiamo raggiunto 3 finali regionali e andremo alle fasi nazionali, in più dobbiamo disputare le final 4 con l’U18. Degli ottimi risultati, frutto della sinergia tra Ravenna, che può vantare da sempre una tradizione importante, e le risorse provenienti dagli altri club, come Cesena. Siamo riusciti a mettere insieme dei gruppi validi, cosa non semplicissima per un settore con pochi tesserati”.

La stagione del Consorzio termina con la festa dell’11 giugno al parco giochi Atlantica di Cesenatico. “Poi ogni singolo club si gestisce autonomamente tra centri estivi e scuola di beach. Come Romagna In Volley non c’è un’attività estiva dedicata, la proposta comune è quella dell’Eurocamp di Cesenatico. Inoltre all’interno del progetto abbiamo due società di beach volley, la Beach Volley Cesenatico e la Beach Volley University: per i più giovani ci appoggiamo al Cesenatico, per quelli dell’agonistica all’University”.

Quali sono le prospettive di Romagna In Volley? “Gli obiettivi dal punto di vista concettuale sono molto chiari: essere al servizio dei ragazzi. Una filosofia che mira ad alzare costantemente il livello di chi lavora a questo progetto. In termini di risultati, sicuramente è implementare la qualità delle squadre, soprattutto Minivolley e Under 12. Perché sono le annate in cui si imposta il lavoro tecnico ed educativo. In più vorremmo che tutte le società formassero almeno un gruppo maschile. Un settore che ha bisogno di una spinta”.

Ufficio Stampa Comitato Territoriale Fipav Romagna Uno

Icaro Sport

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454