15 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

La Polizia celebra il 165° anniversario. Meno reati, più arresti

AttualitàProvinciaRimini

10 aprile 2017, 14:31

La Polizia celebra il 165° anniversario. Meno reati, più arresti

in foto: l'intervento del Questiore Improta

Questa mattina al palacongressi di Rimini la Polizia di Stato ha celebrato il 165° anniversario della sua fondazione. “Esserci sempre” il tema della giornata. Nell’occasione la polizia riminese ha presentato il bilancio dell’attività: calano di oltre il 10% i reati mentre aumentano gli arresti.

Dopo gli interventi del Questore e del Pregetto, la cerimonia nella sala dell’Arengo del Palas si è conclusa con la consegna dei riconoscimenti di merito al personale che si è distinto in operazioni di servizio. Alla cerimonia ha partecipato anche una rappresentanza di docenti e studenti delle scuole del capoluogo. La giornata si era aperta con la deposizione di una corona alla caserma di RIvabella intitolata ad Antonio Mosca, il sovrintendente vittima della Uno Bianca.

Il problema di Rimini resta sempre quello di farsi riconoscere nella sua complessità come necessità di strutture e organici. Lacune, sottolinea il Questore, alle quali gli agenti rispondono con l’abnegazione.


La sintesi trasmessa dalla Questura di Rimini:

Denunciati/ Arrestati dalla Polizia di Stato in Provincia

Denunciati il numero è rimasto pressoché identico a quello dell’anno scorso

Arresti +19,29% (402)

dal 31 marzo2015 al 31 marzo 2016

questura

polfer

polaria

postale

stradale

arrestati arrestati arrestati arrestati arrestati totale arrestati

317

13

2

1

4

337

dal 31 marzo2016 al 31 marzo 2017

questura

polfer

polaria

postale

stradale

arrestati arrestati arrestati arrestati arrestati totale arrestati

379

11

1

2

9

402

più 19,29%

Va inoltre considerato che nel medesimo periodo è aumento del 16% il numero di chiamate giunte 112 NUE ed è aumentato del 3% anche il numero di interventi effettuati dal personale dell’UPGSP (ufficio che nel periodo in considerazione ha aumentato il numero degli arrestati del 47%). Particolarmente importanti sono i risultati raggiunti nell’ambito dell’attività predisposta per il contrasto ai reati predatori (furti e rapine in particolare): il risultato concernente il numero veicoli controllati è infatti raddoppiato, mentre il numero delle persone controllate è salito del 12%.

Reati complessivi rilevati in provincia

Marzo 2015-Marzo 2016 / Marzo 2016-Marzo 2017

DELITTI

MARZO 2015/MARZO 2016

MARZO 2016/MARZO 2017

%

tentati omicidi

8

6

-25,00%

omicidi colposi

15

1

-93,33%

violenze sessuali

45

36

-20,00%

furti

17457

15864

-9,13%

furto con strappo

175

142

-18,86%

furto con destrezza

3695

3490

-5,55%

furti in abitazione

1942

1790

-7,83%

furti in esercizi commerciali

1128

1031

-8,60%

rapine

357

294

-17,65%

rapine in abitazione

30

23

-23,33%

rapine in banca

5

4

-20,00%

rapine in esercizi commerciali

50

30

-40,00%

truffe e frodi informatiche

1167

890

-23,74%

TOTALE DELITTI PROVINCIA

26173

23476

-10,30%

I dati risultano particolarmente significativi se si considera che il numero degli arrestati è decisamente aumentato (numero a cui vanno aggiunti anche i 1935 denunciati) e che il numero dei reati in provincia ha subito una sensibile diminuzione (-2697).

Se da un lato è risultata particolarmente efficace l’attività di prevenzione svolta sul territorio, dall’altro l’attività repressiva e investigativa ha permesso di individuare un più lato numero di autori di reato.

La Divisione Anticrimine della Questura, anche durante lo scorso anno, ha dato notevole impulso all’attività di prevenzione patrimoniale con l’esecuzione di provvedimenti di sequestro finalizzati alla confisca di beni per un valore complessivo di diverse centinaia di migliaia di euro (tra immobili e veicoli, ecc.). In deciso aumento anche i provvedimenti adottati nell’ambito del fenomeno della violenza di genere (nel 2016, rispetto al 2015, sono infatti più che raddoppiati i provvedimenti di ammonimento adottati).

DSC_0104La stessa Divisione Anticrimine, fin dall’estate scorsa, sta curando la campagna di sensibilizzazione che la Polizia di Stato ha avviato sul territorio nazionale, al fenomeno della violenza sulle donne: con una postazione mobile, infatti, personale specializzato della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile (unitamente agli esperti delle locali associazioni operanti nel settore), nei luoghi simbolo della città e dei comuni della provincia – parco Fellini, piazza Tre Martiri, Arco d’Augusto – ha illustrato le principali questioni relative alla problematica, fornendo spiegazioni e distribuendo materiale illustrativo. L’attività, che ha riscosso numerosi consensi tra cittadini, turisti e semplici curiosi, ha consentito di “raccogliere” segnalazioni ed altri elementi importanti che hanno consentito, in alcune occasioni, di adottare provvedimenti di ammonimento e altre misure a tutela.

Particolarmente attiva è stata l’attività condotta dagli uomini della Squadra Mobile. Tra le più importanti operazioni, ricordiamo “Life Style”: nel mese di settembre 2016, in esecuzione all’ordinanza del Gip del Tribunale di Rimini, gli agenti applicarono 18 misure cautelari nei confronti di altrettante persone responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti connesso con “il mondo della notte” della Riviera, disarticolando una fiorente attività di commercializzazione tra persone che ruotano intorno al mondo delle palestre di sostanze vietate (in quanto farmacologicamente o biologicamente attive) quali “Winstrol Depot”; “Rexogin”; “Trembolone” (steroidi anabolizzanti). E ancora, l’operazione antidroga che ha permesso il 1° marzo 2017 di arrestare due persone e di sequestrare ben kg. 74 di “marijuana” nonché diversi etti di “cocaina”. Ricordiamo inoltre che durante il 2016, sono 75 le persone tratte in arresto dalla Sezione Antidroga a seguito di indagini sullo spaccio ed il traffico di sostanze stupefacenti, attività che hanno permesso inoltre di sequestrare complessivamente oltre 1,5 chili di eroina, 4,6 chili di cocaina, circa 20 chili di marjuana/hashish nonché la somma in contanti di 55mila Euro. –

Va ricordata l’operazione-lampo che nel maggio scorso ha permesso di trarre in arresto dopo poche ore dal fatto i tre autori di un efferato omicidio commesso ai danni di un cittadino albanese, freddato in strada con alcuni colpi di arma da fuoco proprio il giorno prima della precedente Festa della Polizia. Sono inoltre 16 i latitanti arrestati nel corso del 2016, tra cui spicca un esponente di un pericoloso clan pugliese attivo nel tarantino, rintracciato e fermato a Bellaria nel luglio scorso.

Decisiva è stata poi l’attività posta in essere dalla Digos, che nell’attuale scenario internazionale, ha consentito che ogni manifestazione ed evento organizzato nella Provincia di Rimini (ricordiamo, Summer Pride, il Meeting, ecc.) si potesse svolgere senza alcuna turbativa.

La Divisone della Polizia Amministrativa sociale ha incrementato i controlli presso le attività soggette ad autorizzazioni di Polizia (con sanzioni amministrative per diverse migliaia di euro per violazione delle vigenti disposizioni su vendita alcolici, steward, addetti alla vigilanza, normativa antincendio, ecc.), controlli che in diverse occasioni hanno consentito di adottare e notificare provvedimenti di chiusura ex articolo 100 TULPS nei confronti di esercizi commerciali.

L’attività dell’Ufficio Immigrazione della Questura – particolarmente impegnato in considerazione dei flussi migratori che interessano anche questa provincia e che costantemente verifica il rispetto delle vigenti normative in tema di ingresso e soggiorno sul territorio nazionale da parte degli stranieri – ha consentito di trattare istanze per il rilascio di permessi di soggiorno, di raccogliere e istruire le istanze di protezione internazionale e di adottare provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale.

DSC_0270Durante l’anno appena trascorso l’Ufficio di Gabinetto della Questura ha emesso n.1008 (circa 100 in più rispetto all’anno precedente) ordinanze ai sensi dell’art. 37 del DPR 20.10.1985 nr. 782 per eventi che hanno richiesto la predisposizione di servizi d’ordine e sicurezza pubblica (servizi di prevenzione e vigilanza relativi congressi e convegni politici, manifestazioni politiche e sindacali, fiere e saloni internazionali, gare sportive di carattere nazionale e internazionale, visite di personalità di rilievo e servizi straordinari di prevenzione e contrasto di reati connessi alla prostituzione, “stragi del sabato sera”, abusivismo commerciale, controllo di locali pubblici e circoli privati). I servizi spesso emergenti hanno comportato un impiego medio giornaliero di decine di donne e uomini della Polizia di Stato (non sono compresi nel conteggio né il personale delle specialità né quello aggregato nei mesi di luglio ed agosto).

Polizia stradale

La sezione di Polizia Stradale, oltre alle ordinarie attività d’istituto finalizzate a garantire la sicura circolazione sulla rete viaria che interessa questa provincia, ha condotto una mirata campagna sul tema della educazione stradale.

Sempre in merito alla sicurezza stradale vanno ricordati i numerosi servizi, effettuati praticamente ogni week end e ulteriormente intensificati durante il periodo estivo al fine di garantire la sicurezza dei cittadini e turisti, predisposti a verificare lo stato psicofisico dei conducenti i veicoli, allo scopo di intercettare coloro che si pongono alla guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche o stupefacenti. In particolare sono stati espletati sevizi cd. “Tox test”, unitamente al personale medico della Polizia di Stato nel corso dei quali sono state controllate 416 persone di cui 75 sottoposte agli accertamenti qualitativi preliminari di ricerca di sostante stupefacenti e, delle quali 6 di esse risultate poi positive e deferite all’Autorità Giudiziaria per il reato di cui all’art. 187, comma 2, codice della strada.

Polizia postale

La Polizia Postale, attiva su tutte ciò che riguarda il c.d. “mondo virtuale”, del web, anche nel corso dell’anno appena trascorso, ha dedicato le migliori energie nel contrasto a tutte quelle condotte illecite commesse in rete, tra le quali si rammentano le truffe informatiche, i casi di “Sextorsion” e quelli di estorsione con sottrazione di dati mediante l’utilizzo di virus informatici denominati “cripto virus”; in numerosi casi le attività d’indagine sono riuscite a identificare gli autori con relativo deferimento all’Autorità Giudiziaria.-

Polizia di frontiera

La Polizia di Frontiera presso lo scalo aereo di Rimini oltre alle attività di polizia giudiziaria eseguite su disposizione della locale Autorità Giudiziaria, ha garantito lo svolgimento dei controlli di frontiera, al fine di evitare che alcuni elementi criminali utilizzando documenti falsi potessero riuscire a raggiungere l’Italia e altre destinazioni europee attraverso lo scalo aereo riminese.

Gli agenti della Specialità, oltre all’attività di Polizia Giudiziaria, l’attività repressiva e ai servizi di frontiera (respingimenti e rintracci), hanno inoltre garantito l’espletamento di periodici e mirati controlli, atti a verificare, tra l’altro, la corretta attuazione delle vigenti disposizioni in tema di sicurezza aeroportuale.

Polizia ferroviaria

Nel corso del 2016 la Polizia Ferroviaria ha svolto la propria attività di controllo all’interno delle stazioni e sui convogli per garantire la sicurezza dei viaggiatori, attraverso la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni delittuosi e di degrado presenti in ambito ferroviario. La sezione di Rimini della Polizia ferroviaria ha predisposto migliaia di pattuglie in stazione e a bordo treno, ha garantito il servizio di scorta a centinaia di convogli ferroviari, oltre ad assicurare servizi antiborseggio sia negli scali che sui convogli. Grazie a tale dispositivo la Specialità ha tratto in arresto ben 11 persone e controllare e identificare migliaia di persone.

Il video realizzato dalla Polizia di Rimini:


I premiati:

due encomi solenni e due encomi al V.Q.A. MASSIMO SACCO

Funzionario in servizio presso la Catturandi della Squadra Mobile di Napoli ed attuale Dirigente della Squadra Mobile di Rimini, evidenziando elevate capacità professionali, acume investigativo e non comune determinazione operativa, ha diretto complesse indagini che hanno permesso di arrestare diversi latitanti appartenenti ad associazioni camorristiche e di risolvere tempestivamente, due casi di omicidio con l’arresto dei relativi responsabili (Napoli, Caserta, Londra da dicembre 2011 al novembre 2012)

due encomi solenni all’Ass. Capo Antonio Pio ALBRIZIO

In sevizio presso la Squadra mobile di Milano e attualmente in servizio presso la Sezione di Polizia Stradale di Rimini, ha contribuito a sgominare un efferato sodalizio criminale latino-americano, responsabili di numerosissimi reati contro la persona e il patrimonio e di trarre in arresto nove persone responsabili di rapina aggravata, porto abusivo di armi da sparo, lesioni personali, furto aggravato e riciclaggio di autovetture.

Milano dal luglio a settembre 2015

encomio solenne al:

Ass. C. PIETROPAOLO Luca

Ass. LEGGIERI Lorenzo

Ass. ANDRISANI Giuseppe Ivan

Gli operatori delle Volanti della Questura di Rimini e del Reparto prevenzione Crimine di Bologna, evidenziando spiccate capacità professionali, intuito investigativo e notevole determinazione operativa, alle cinque del mattino del 10 luglio 2016, al termine di un pericoloso inseguimento, durante il quale sono stati esplosi alcuni colpi di pistola e speronate ripetutamente le auto di servizio, sono riusciti ad arrestare tre malviventi appartenenti a un importante sodalizio criminale dedito alla commissione di efferate rapine ai danni di istituti bancari, recentemente condannati a 3 anni e due mesi.

due encomi

Isp. S.U.P.S. Butini Eugenio

Sov. C. Bennardo Nicola

Sov. C. Sisca Raffaele

V.Sov. Volpini Fiorenzo

Ass. C. Vitagliano Luca

In servizio presso la Squadra Mobile, hanno condotto e brillantemente concluso, unitamente ad altri colleghi della Squadra Mobile, articolate attività di indagine che hanno portato allo smantellamento di due sodalizi criminali: il primo, responsabile dei reati di omicidio volontario, detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, il secondo, specializzato in traffico di sostanze stupefacenti ed estorsioni.

Rimini, 15 novembre 2012 e 9 giugno 2015

encomio a Ass. C. Masini Roberto

Poliziotto della Squadra Mobile, con la sua capacità professionale e intuito investigativo, ha condotto un’attività di indagine che ha consentito la completa disarticolazione di un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti. Rimini, 11 novembre 2014

encomio a :

Isp.S. S.U.P.S Parrucci Roberto

Sovr. C. MANUGUERRA Gaspare

Ass. C. Fazzioli Andrea

In servizio presso la Squadra Mobile hanno condotto un’attività investigativa che ha consentito di arrestare 8 persone, disarticolando due pericolose associazioni per delinquere specializzate in furti in abitazione e rapine presso esercizi commerciali con utilizzo di armi

Rimini, 8 aprile 2015

encomio a

Ass. C. Guardati Fabio

Il 29 ottobre 2015, libero dal servizio, per salvare l’incolumità del titolare di un esercizio commerciale, palesemente minacciato da un malvivente, dopo aver raggiunto l’aggressore, gli ha sferrato un calcio al braccio armato, obbligandolo a lasciar cadere il coltello a terra: dopo una violenta collutazione, il poliziotto è riuscito a immobilizzare e ad arrestare l’uomo.

encomio a

Ass. Palumbo Claudio

Con coraggio e professionalità, esponendo la propria vita a un imminente pericolo, è prontamente intervenuto presso un edificio avvolto da altissime fiamme, traendo in salvo tutti i residenti.

Brescia, 24 novembre 2014

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454