giovedì 19 settembre 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 4 apr 2017 16:16 ~ ultimo agg. 21:15
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il prestigioso Palazzo Lettimi diventerà un dormitorio con annesse salette di socializzazione, altro che nuovi spazi culturali da regalare alla città.” Così il consigliere comunale del Movimento Nazionale per la sovranità Gennaro Mauro bolla la scelta di concedere all’Università il diritto d’uso sul Palazzo per tarsformarlo, a proprio spese, in uno studentato (vedi notizia)

Mauro parla di una fine indecorosa per l’edificio e di incapacità dell’amministrazione a valorizzare il patrimonio storico cittadino.

Secondo il consigliere di minoranza, “Palazzo Lettimi deve avere un logico rapporto sinergico con la “Gambalunghiana”, la più antica biblioteca civica d’Italia, che nel 2019 festeggerà i 400 anni di vita. Sarebbe stata un’occasione importante per proporre il Lettimi come luogo espositivo e di studio della Gambalunghiana, consentendo all’Istituzione di ampliare il patrimonio bibliografico e dare una giusta collocazione ai 150.000 utenti che ogni anno la frequentano“.

Mauro sottolinea come in comune, oltre ad una mancanza di risorse economiche, manchi una progettualità culturale e attacca l’assessore alle “Arti” Pulini per non aver ancora provveduto a nominare un direttore alla biblioteca Gambalunga.

Tornando al destino di Palazzo Lettimi, Mauro non le manda a dire: “per qualche decina di posti letto si butta alle ortiche la valorizzazione di un importante contenitore culturale“. “Non ci resta che sperare – conclude – che l’Università non riesca a vincere il bando dei finanziamenti per realizzare il nuovo dormitorio“.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna