giovedì 22 agosto 2019
menu
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto Visualizzazioni 9.851 visite
gio 27 apr 2017 08:13 ~ ultimo agg. 28 apr 07:02
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto Visualizzazioni 9.851
Print Friendly, PDF & Email

Non c’è stato nulla da fare per l’idraulico 54enne di San Clemente Stefano Amadori, nonostante i medici dell’ospedale Infermi abbiano tentato in tutti i modi di salvargli la vita. Gli è stato fatale l’aver bevuto una sostanza acida da una bottiglia di plastica. L’episodio è avvenuto martedì intorno alle 12.30: Amadori, solo in casa, è andato in cucina per bere e ha preso una bottiglia di aranciata che conteneva probabilmente soda caustica. Subito dopo aver bevuto ha sentito forti dolori e ha chiamato lui stesso il 118. I medici dell’Infermi hanno tentato un intervento d’urgenza ma purtroppo per il 54enne, sposato e con due figli, non c’è stato nulla da fare. Il liquido  ha provocato lesioni irreversibili all’esofago e all’apparato digerente. I carabinieri in via precauzionale hanno sequestrato la bottiglia incriminata e i lotti del supermercato dove era stata acquistata per effettuare gli esami.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna