Welcome Bologna-Dulca Santarcangelo ha segnato il ritorno di Jack Massaria

Jack Massaria

in foto: Jack Massaria

Il sogno che non svanisce mai. La passione che si ripercuote in ogni angolo della casa. La voglia di tornare in quel palazzetto, con quel pallone nelle mani, con quelle scarpette ai piedi. È tornato e non ha intenzione di fermarsi più. Jack Massaria torna anche ai nostri microfoni dopo la vittoria sul PGS Welcome Bologna.

Jack, partiamo dalla sua vittoria, prima di quella sul campo. Tornare a calcare il parquet dopo tanto tempo e superare un infortunio non facile.
“È una cosa bellissima. Non vivere la quotidianità del basket è pesante. Da che facevo quasi 12 ore la settimana dentro al palazzetto mi sono ritrovato al guardarlo solo da fuori. Sono contentissimo adesso di poter ricominciare”.

Al suo canestro dal tiro libero la panchina è esplosa, segno di quanto questa squadra è unita e di quanto i ragazzi ci tengono a lei.
“Sono stati la mia forza, il mio motivo in più per tornare a giocare. Sono incredibili. Siamo una squadra molto unita composta da noi giovani, giocatori fortissimi e fuori categoria come Saponi e Cunico e giocatori più esperti come Tomassini che ogni giorno aiutano al nostro miglioramento di squadra e personale”.

Arriviamo alla vittoria netta sul campo. Un punteggio importante che vi conferma uno schiacciasassi se concentrati dal primo all’ultimo minuto.
“Sì, il coach è l’artefice principale della nostra concentrazione e la nostra energica. Vuole che giochiamo tutti i 40 minuti al meglio e i risultati credo ripaghino il lavoro fatto. Poi come ripeto, abbiamo giocatori che fanno la differenza che sono fondamentali per raggiungere certi risultati”.

Ora la prossima si torna in casa con i Giardini Margherita.
“Sì, sarà una partita tosta. Loro hanno anche già vinto contro di noi in Coppa Marchetti e hanno un giocatore molto importante che ci può mettere in difficoltà. Oggi abbiamo cominciato a guardare l’aspetto difensivo sui loro giochi e ci stiamo preparando al meglio”.

Domanda personale adesso. Come si sentiva lontano dai campi e adesso che è tornato?
“Passare dal vivere di basket perché è una passione infinita al pensarlo solo ti fa sentire impotente perché vorresti tornare ma non puoi. Ora sono carico di riprendermi quello che mi sono perso e voglioso di giocare. Intanto partiamo da ogni allenamento”.

Sai quando tutto sembra andare nel verso opposto? C’è solo un modo per reagire. Continuare a credere in quello che fai, in quello che senti, in quello che sei. E grazie a famiglia, compagni, amici e società Jack è tornato a splendere. Un talento che a Santarcangelo mancava. Un ragazzo che per quella palla a spicchi ribalterebbe mondo e universo. E che è pronto per tornare a volare…

Cristian Tartaglia

Icaro Sport

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454