venerdì 18 gennaio 2019
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
mer 8 mar 2017 14:16
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Alcuni ticket sanitari sono più alti del tetto massimo consentito. A denunciarlo il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Raffaella Sensoli che chiede l’intervento della Regione.Nonostante sia passato più di un anno dall’approvazione della nostra risoluzione sull’abbattimento dei costi dei ticket regionali per alcune prestazioni sanitarie – spiega la Sensoli – , purtroppo si verificano ancora dei casi dove i pazienti sono costretti a pagare una cifra addirittura superiore a quello che dovrebbe essere il tetto massimo consentito”. La Sensoli riporta un caso di Imola per un esame del sangue per la tiroide, ma segnalazioni sarebbero arrivate anche da altri territori.

Chiediamo alla Regione di attuare una modifica urgente al sistema per evitare che casi del genere si ripetano”. “Vogliamo capire se si tratta di una svista colossale del sistema o la conferma che si sta cercando in tutti i modi di spingere i cittadini di rivolgersi al privato, visto che come in questo caso, si potrebbe godere dello stesso servizio al medesimo prezzo con tempi di attesa però notevolmente inferiori”

Questo sistema sta creando problemi alla sanità pubblica per l’ammortamento delle strumentazioni – conclude Raffaella Sensoli – Sembra che ci sia una volontà di travaso di utenza verso il privato, tendenza che è legittimata anche dall’acquisto di servizi dal privato da parte delle AUSL che rinunciano a potenziare le proprie strutture scegliendo di comprare pacchetti di prestazioni dal privato”.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna