giovedì 24 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.459 visite
lun 13 mar 2017 13:10 ~ ultimo agg. 14 mar 12:24
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.459
Print Friendly, PDF & Email

L’operazione, denominata “Ancora tu?”, ha visto impegnati i finanzieri della Sezione Mobile del Nucleo di Polizia Tributaria di Rimini che, dopo aver monitorato i movimenti di un soggetto di origine dominicana, di fatto domiciliato a Rimini, ha sottoposto a sequestro 2,5 chilogrammi di cocaina finissima.

Erano giorni, infatti, che gli investigatori lo monitoravano per capire dove avesse occultato lo stupefacente destinato ad essere spacciato nei locali della movida rivierasca.

L’uomo era già noto ai finanzieri per essere stato sottoposto a misura cautelare del divieto di dimora a Rimini a seguito di ordinanza emessa, nel 2014, dal GIP del Tribunale di Rimini Sonia Pasini, a conclusione di un’articolata indagine condotta dai finanzieri del Gruppo di Rimini e coordinata dal dottor Marino Cerioni, che aveva portato al sequestro di diversi etti di cocaina, trasportata con un’ovulatrice, all’arresto di un soggetto ed al divieto di dimora per altri tre persone.

Lo stesso risulta indagato anche per l’accoltellamento di un poliziotto durante una rissa tra latino-americani, scoppiata in un locale di Rimini nell’estate del 2014. Il soggetto che aveva continuato ad avere atteggiamenti sospetti che lasciavano presagire un suo nuovo coinvolgimento nell’illecita attività.

Così i militari del Nucleo pt lo hanno monitorato fino a quando non hanno capito che aveva nascosto in un’auto a lui in uso, una Ford Fiesta, la droga destinata ad essere acquistata da altri spacciatori che poi l’avrebbero distribuita al dettaglio. La trappola è scattata nella notte tra sabato e domenica quando, dopo, un lungo appostamento, si è avvicinato all’auto.

A quel punto i militari lo hanno fermato e hanno subito capito di averci visto giusto, in ciò confortati dall’infallibile fiuto di Donny, il cane antidroga in forza all’unità cinofila del Comando Provinciale che aveva, inequivocabilmente, segnalato la presenza dello stupefacente.

L’autovettura è stata sottoposta a perquisizione accurata fin quando, sotto il divano del sedile posteriore sono comparsi dieci involucri, confezionati a mò di fogli, contenenti ciascuno circa 250 grammi di cocaina per un peso complessivo di 2,5 chilogrammi.

Subito informato, il PM di turno Luca Bertuzzi ha disposto l’arresto dell’uomo, associato alla Casa Circondariale di Rimini.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna