mercoledì 16 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
mar 7 mar 2017 14:30 ~ ultimo agg. 15:05
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

La Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini, in occasione della celebrazione della giornata dell’8 marzo, analizza il quadro dell’imprenditorialità femminile sul territorio aggregato, al 31/12/2016: sono 15.187 le imprese a guida femminile su un totale di 71.714 imprese attive, con un’incidenza percentuale pari al 21,2%, incidenza lievemente superiore a quella regionale (20,9%), ma inferiore a quella nazionale (22,5%)

Per quanto riguarda la disaggregazione per settore di attività, il dato percentuale, relativo alle due province, registra: il 29,7%% delle imprese femminili nel settore commercio ed il 14,9% in quello degli “alberghi e ristoranti”. Seguono, in ordine di importanza, l’”agricoltura” (11,4%), “altre attività di servizi” (11,5%), il settore manifatturiero (7,3%) e le attività immobiliari (6,6%).

Il comparto a più elevata presenza femminile risulta “altre attività di servizi” (comprendente attività quali lavanderie, estetiste, parrucchiere ecc..), con oltre la metà delle imprese (54,2%).

L’analisi per natura giuridica mostra come il 67,2% siano imprese individuali, il 18,4% società di persone e il 12,8% società di capitali. Sono 172 le cooperative femminili (1,1% del totale delle imprese femminili).

Il confronto col dato regionale e nazionale mostra nel territorio di Forlì-Cesena e Rimini una minore incidenza delle società di capitali ed una maggiore delle società di persone rispetto al resto del territorio: infatti, le prime in regione sono il 16,1% e in Italia il 16,5%, mentre le società di persone sono rispettivamente il 15,4% e il 11,1%.

È possibile valutare l’impresa femminile anche relativamente al grado di presenza femminile, vale a dire in base alla percentuale di quote possedute da donne. Vengono previsti tre gradi di presenza crescenti: “maggioritaria”, “forte” ed “esclusiva”.

Sul totale delle imprese della provincia individuate come “femminili”, l’82% è a presenza “esclusiva”, il 14,8% “forte” e il 3,1% “maggioritaria”.

Se si escludono le imprese individuali (per le quali ovviamente esiste solo la modalità “esclusiva”), le imprese femminili possedute da donne in forma esclusiva sono il 48,6% per le società di persone, il 38,3% per le società di capitali ed il 48,8% per le cooperative della provincia.

 “Prosegue il nostro impegno – dichiara Fabrizio Moretti, Presidente della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini – nel fornire al territorio il patrimonio di informazioni economiche di cui l’Ente dispone. In attesa della presentazione del Rapporto sull’economia che quest’anno vedrà una doppia presentazione dei dati, a Forlì-Cesena e a Rimini, in occasione delle celebrazioni per l’8 marzo, abbiamo voluto, a modo nostro, portare l’attenzione sull’imprenditoria femminile che rappresenta una fetta importante dell’economia. Un riconoscimento, con un senso di profonda stima ed ammirazione, a tutte le imprenditrici che ogni giorno, con coraggio, fanno impresa cercando di conciliare tempi di lavoro e tempi familiari, in un contesto sociale che ancora non riconosce appieno le difficoltà che questo comporta”.

Altre notizie
di Redazione
FOTO
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna