venerdì 18 gennaio 2019
In foto: Andrea Gnassi
di Maurizio Ceccarini   
lettura: 2 minuti 6.248 visite
gio 30 mar 2017 15:21 ~ ultimo agg. 31 mar 10:53
Print Friendly, PDF & Email
2 min 6.248
Print Friendly, PDF & Email

Andrea Gnassi, sindaco di Rimini e presidente della Provincia di Rimini, è stato nominato presidente di Destinazione Romagna, la nuova realtà nata con l’obiettivo di sviluppare iniziative di promozione e valorizzazione dei territori e sostenere azioni promo-commerciali realizzate dagli operatori privati.

L’elezione è avvenuta all’unanimità alla presenza dei rappresentanti delle Province di Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini e Comuni soci nel corso del primo insediamento dell’Assemblea degli Aderenti che si è svolta oggi al Palazzo del Turismo di Rimini. Eletti anche i 14 membri del Consiglio d’amministrazione di Destinazione Turistica Romagna, secondo quanto prevede la Legge regionale 4/2016 sull’ordinamento turistico in Emilia-Romagna. Per quanto concerne il Consiglio di amministrazione, il numero dei membri per ogni provincia è stato definito in base al “peso turistico” dei territori: cinque consiglieri per la Provincia di Rimini e tre rispettivamente per quelle di Forlì-Cesena, Ravenna e Ferrara.

«Saluto con grande soddisfazione la nascita del Consiglio d’amministrazione di Destinazione Romagna– ha commentato Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo- e auguro buon lavoro al neo presidente e ai neoeletti consiglieri, che già dai prossimi giorni saranno all’opera, in vista di una stagione turistica che per la riviera romagnola e il suo entroterra si preannuncia sotto i migliori auspici».

Questi gli eletti del CdA:
Provincia di Rimini: oltre ad Andrea Gnassi, Enzo Ceccarelli (sindaco di Bellaria-Igea Marina), Immacolata della Curti (commissario prefettizio del Comune di Riccione), Stefano Giannini (sindaco di Misano Adriatico), Alice Parma (sindaco di Santarcangelo).
Provincia di Forlì-Cesena: Mirko Capuano (assessore al Turismo del Comune di Bertinoro), Cristian Castorri (assessore a Sport, Cultura e Turismo del Comune di Cesena), Matteo Gozzoli (sindaco di Cesenatico).
Provincia di Ravenna: Luca Coffari (sindaco di Cervia-Milano Marittima), Giacomo Costantini (assessore al Turismo del Comune di Ravenna) e Massimo Isola (vice sindaco e assessore a Cultura e Turismo del Comune di Faenza).
Provincia di Ferrara: Marco Fabbri (sindaco di Comacchio), Massimo Maisto (vice sindaco e Assessore a Cultura e Turismo del Comune di Ferrara) e Sabina Mucchi (sindaco del Comune di Fiscaglia).

“Le quattro Province della Destinazione Romagna – è il commento del presidente della Provincia di Rimini, Andrea Gnassil’anno scorso hanno totalizzato circa 30 milioni di presenze e  6,5 milioni di arrivi. Siamo un distretto turistico naturale che, insieme, già oggi entrerebbe nelle prime 25 posizioni delle città al mondo con più arrivi turistici. Nell’arco di neanche 100 chilometri abbiamo i mosaici di Ravenna, il castello estense di Ferrara, l’Appennino, il mare, i borghi della nostra collina, Fellini, Piero della Francesca e il Tempio Malatestiano di Leon Battista Alberti. Per intenderci, la destinazione turistica Romagna registra il doppio delle presenze turistiche di una delle più importanti DMO (destination management Organization) del mondo – Barcelona Turisme. In questo quadro, l’istituzione delle destinazioni turistiche è un’opportunità nella ricerca di una nuova sintesi tra territori e prodotti turistici. Puntare alla valorizzazione dei territori in chiave di marketing turistico, senza appiattire la promozione sul solo prodotto ma facendo emergere lo scenario, il mix di offerta, identità e cultura in cui il prodotto prende vita, rivedere la governance complessiva e introdurre criteri qualitativi più selettivi, sono alcune delle principali priorità che la nuova legge persegue. Io credo che solo così, cavalcando le opportunità attraverso politiche di sistema, si possa vincere quella sfida per intercettare milioni di viaggiatori internazionali all’anno su cui sono impegnate molte altre località al mondo, investendo su sinergie piuttosto che divisioni”

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna