12 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Aboliti i voucher, la dichiarazione del deputato PD Tiziano Arlotti

voucher

in foto: Un voucher

Aboliti i voucher. La dichiarazione di Tiziano Arlotti, deputato riminese del PD:

“Ieri sera in Commissione Lavoro alla Camera abbiamo votato gli emendamenti al progetto di legge “Modifiche alla disciplina del lavoro accessorio” e in particolare l’emendamento che prevede l’abrogazione dei tre articoli sul lavoro accessorio del decreto attuativo del Jobs Act (art. 48,49 e 50 del decreto legislativo 15 giugno 2015 n.81). Abbiamo altresì previsto l’utilizzo dei voucher che siano già stati richiesti alla data di entrata in vigore della legge e di renderli utilizzabili fino al 31 dicembre 2017.

Giunge all’epilogo una vicenda che avevo personalmente avviato con un’interrogazione nel novembre 2015, denunciando l’uso distorto di uno strumento nato per contrastare il lavoro nero e facilitare lavori accessori ed occasionali di giovani e pensionati. Come relatore al provvedimento di modifica del decreto legislativo avevo proposto di procedere ad un ridimensionamento del loro utilizzo che, soprattutto con la liberalizzazione avvenuta fra il 2009 e il 2013, ne aveva ampliato l’uso con l’allargamento dei settori e soppressa la occasionalità. Soprattutto, avevo proposto di vietarli in lavori pericolosi, a partire dall’edilizia, e di attivare la tracciabilità come poi avvenuto.

Nel 2016 sono stati venduti 134 milioni di voucher in Italia, di cui il 50% è stato utilizzato da 5.000 imprese e circa 73 milioni sono stati utilizzati in attività (industria, edilizia, trasporti) inserite nella riforma del 2012. Complessivamente i 134 mln di voucher rappresentano il corrispettivo di 75.000 occupati a tempo pieno (pari allo 0,45% del totale del costo del lavoro in Italia). Secondo i dati della Cgil, in provincia di Rimini si è passati da 1.592.217 buoni nel 2015 a 1.991.620 nel 2016.

Non a caso ho spesso sottolineato come l’uso distorto dei voucher (prima ancora che partisse la raccolta di firme del referendum) fosse anche uno strumento di concorrenza sleale (un’ora di lavoro nei settori produttivi costa mediamente sui 24 euro mentre un voucher 10 euro) e in questa vicenda obiettivamente – come ha osservato l’economista Filippo Taddei – è successo che si è confuso il problema con gli strumenti e i presenti con i responsabili.

Il decreto legge che il Governo varerà oggi sancirà la definitiva soppressione dei voucher. Da qui deve partire immediatamente un percorso legislativo che ridefinisca gli strumenti per governare il lavoro accessorio e occasionale, quello legato alle attività stagionali così importante per il nostro turismo, quello di cui necessitano le famiglie, in una cornice di strumentazione e semplificazione normativa che tuteli in primo luogo i diritti dei lavoratori. In particolare si dovrà normare il lavoro intermittente e a chiamata dando un ruolo fondamentale alla contrattazione nazionale di settore, a quella territoriale ed anche aziendale.

Può essere l’occasione buona per fare tesoro degli errori del passato, ma anche per dotarsi di strumenti che diano maggiori tutele. Per la mia esperienza nel mondo del lavoro e per la mia provenienza territoriale non mancherò di dare il mio contributo”.

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454