lunedì 21 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
mer 14 dic 2016 12:09 ~ ultimo agg. 13:30
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Sono otto le nuove proposte di querela approvate dalla Giunta comunale di Rimini nei confronti di altrettanti gestori di strutture alberghiere che ad oggi non hanno ancora provveduto al completo versamento dell’imposta di soggiorno corrisposta dai loro ospiti. Salgono quindi a 25 le proposte di querela avanzate nel corso dell’anno, 54 dal 2014, anno in cui sono iniziati i controlli sull’imposta. Di questi, 17 hanno già provveduto a regolarizzare la loro posizione. Numeri, precisa l’amministrazione, che confermano “la collaborazione fattiva dei gestori di strutture alberghiere e l’efficacia del sistema di recupero delle somme non versate”.

Le proposte di querela (per l’illecito penale di appropriazione indebita, come previsto dal regolamento) sono l’ultimo step di un percorso che il comune avvia per il recupero delle somme e che prevede in un primo momento l’invio di solleciti bonari; solo in un secondo momento scatta l’avvio dell’attività di accertamento vera e propria (sanzioni amministrative, intimazioni di pagamento, ingiunzioni fiscali e atti di riscossione coattiva) e in ultima istanza la querela.
Nel triennio l’amministrazione è riuscita a recuperare ben 1.552.000 euro.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
FOTO
Notizie correlate
di Redazione
Un passatello per la ricerca

Quando il passatello diventa solidale

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna