venerdì 18 gennaio 2019
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
ven 16 dic 2016 08:14 ~ ultimo agg. 12:40
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Fingeva di essere un suo coetaneo per adescarla. Prima con le chiacchiere su chat, poi la richiesta del numero del telefono e una serie di telefonate pesanti. Ma quando la ragazzina riminese, sentendo la voce, si è accorta che la persona con cui si era scritta non era un ragazzo ma un uomo adulto si è confidata con la madre ed insieme si sono rivolte alla Polizia che ha avviato una serie di verifiche sull’utenza mascherata da cui chiamava. Gli investigatori sono risaliti ad un 48enne, padre di famiglia, piemontese. Per l’uomo è scattata la denuncia per molestie.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna