martedì 22 gennaio 2019
In foto: L'albero di Natale costruito con arte e rifiuti
di Redazione   
lettura: 2 minuti 1.415 visite
gio 1 dic 2016 17:02
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.415
Print Friendly, PDF & Email

È quasi terminato l’allestimento, nei pressi dell’Arco di Augusto, di un albero di Natale ottenuto attraverso materiali di scarto assemblati da 12 studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, coordinati dal docente Roberto Semprini, nell’ambito di SCART, il progetto per il riuso “d’autore” dei rifiuti di Waste Recycling, società toscana attiva da oltre vent’anni nel settore e che da dicembre 2015 è entrata a far parte del Gruppo Hera come controllata di Herambiente.

Un albero “riciclone”, dunque, ma anche artistico, composto da cisternette per la raccolta dei reflui di provenienza industriale. A guidare la squadra dei giovani artisti è l’architetto Roberto Semprini, che curerà tutto l’allestimento del progetto Rimini Christmas Square.

Un lavoro appassionante, per il quale parlano le cifre: l’albero, infatti, sarà alto più di 7 metri. Per farlo splendere in tutta la sua bellezza, inoltre, sono state realizzate oltre 50 decorazioni, parte delle quali andranno a decorare un albero analogo, assemblato per la città di Imola – nell’ambito dello stesso progetto – da 11 studenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, coordinati dai professori Edoardo Malagigi e Angela Nocentini.

Abeti, angeli, babbi Natale, casette, caramelle, fiochi di neve e ghirlande, lanterne, stelle e sfere natalizie, renne e pacchi regalo sono stati realizzati utilizzando solo materiale di recupero proveniente dai più disparati cicli produttivi: tubi di plastica, lampadine, manici di vecchi secchi, spirali di metallo, parti di occhiali, materiali provenienti da ceramifici e tomaifici, bottoni e cerniere, vetri colorati e poi ancora, scarti di pelle e plastica, scarti di metallo, il tutto per dimostrare che l’economia circolare può prestarsi anche al bello e all’arte, regalando decorazioni inattese e di grandi dimensioni, che in questi casi raggiungeranno anche i 50 cm.

Il lavoro si è svolto a novembre all’interno dell’Officina SCART allestita nella sede di Waste Recycling, dove i 23 studenti delle due accademie si sono divisi in due laboratori dando vita a questi maestosi e atipici abeti. L’attività si inserisce, infatti, nel contesto degli accordi stretti da Waste Recycling con le accademie di Bologna e Firenze e ha consentito a tanti giovani artisti, tra cui alcuni russi e numerosi cinesi, di trascorrere due settimane di intensa attività creativa, approfittando anche di Villa Pacchiani, messa a disposizione dal terzo soggetto di queste convenzioni, ovvero il Comune di Santa Croce sull’Arno (Pisa).

Questi, in particolare, i giovani artisti dell’Accademia di Bologna che hanno prestato la loro opera per la realizzazione dell’albero riminese: Alessia Della Casa, Ilaria Rucci, Nina Harverinder Singh Kaur, Leo Junrao Wang, Elisa Vergari, Marinella Fedele, Beatrice Finucci, Anastasiia Pashkovskaia, Vittoria Roccatelli, Francesca Velleca, Chiara Martinelli e Raffaele Marra.

Altre notizie
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna