lunedì 21 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
mer 30 nov 2016 08:20 ~ ultimo agg. 1 dic 10:27
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Spalti affollati e qualche turbolenza ieri sera in Consiglio Comunale a Rimini. Ai rappresentanti della protesta contro l’esternalizzazione dei servizi scolastici (il termine per il bando è il primo dicembre), presenti con uno striscione, si è aggiunta anche una nutrita presenza di lavoratori di Start Romagna che nei giorni scorsi hanno espresso forti preoccupazioni per il loro futuro alla luce degli ultimi scenari che si sono prospettati per l’azienda e il bando del trasporto.

All’ingresso in Consiglio, a seduta in corso, il sindaco (proveniente dal Consiglio Provinciale) è stato accolto da un applauso beffardo e da cori tutt’altro che amichevoli. E ha lasciato l’aula per uscire a parlare con i dipendenti di Start Romagna. La discussione è partita con toni accesi: nonostante l’invito “calma e gesso” pronunciato più volte dal primo cittadino per rasserenare gli animi c’è voluto un po’. All’esterno dell’aula scintille anche tra Gnassi e il segretario della CGIL Graziano Urbinati.

 

 

 

 

 

Altre notizie
di Redazione
L'ultimo sindaco comunista

Si è spento l'ex sindaco Zaffagnini

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna