martedì 22 gennaio 2019
In foto: Le immagini raccolte dai Carabinieri di Rimini
di Redazione   
lettura: 1 minuto 1.250 visite
gio 6 ott 2016 13:38 ~ ultimo agg. 7 ott 12:11
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1.250
Print Friendly, PDF & Email

La Cassazione ha annullato il provvedimento con cui il tribunale della Libertà di Bologna aveva rimesso in libertà la 61enne Loredana Pacassoni, indagata dalla procura di Rimini per maltrattamenti in classe. La maestra era stata arrestata nell’aprile scorso dai carabinieri in esecuzione ad un’ordinanza del gip Fiorella Casadei che, accogliendo le tesi del sostituto procuratore Davide Ercolani, aveva ordinato i domiciliari per la donna filmata in alcuni atteggiamenti ritenuti riconducibili all’articolo 572 del codice penale, ossia maltrattamenti su minori. A giugno però il Riesame aveva rivisto la vicenda rimettendo la Pacassoni in libertà. Nelle motivazioni della sentenza i giudici spiegavano di non aver ravvisato nel comportamento della donna nessun indizio di colpevolezza in ordine al reato di maltrattamenti verso i bambini; nessuna condotta violenta o aggressiva, nessuna percossa, né alcun utilizzo di urla o espressioni ingiuriose; nessuna turbativa alla serenità dell’ambiente scolastico.
Decisione che era però stata impugnata dal pm Ercolani davanti alla Cassazione che ha ritenuto invece che i maltrattamenti potrebbero sussistere e quindi richiesto una nuova udienza. Il provvedimento, spiega l’ANSA, non comporterà il ripristino dei domiciliari per la maestra che al momento non ha ripreso l’insegnamento.

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna